Cosa fa il Consulente Commerciale? Scopri i Servizi che Offre e Come Può Aiutare un’Azienda

Quella del consulente commerciale è una figura complessa e polivalente, ma di certo necessaria per il successo di ogni azienda.

Oggi cercheremo di capire assieme chi sia un consulente commerciale e come fare per diventarlo. Se vi interessa conoscere qualche notizia in più su questa interessante figura siete nel posto giusto.

Buona lettura!

Consulente commerciale: cosa fa e chi è

Il consulente commerciale è una figura professionale che ha il compito di guidare e supportare i clienti che vogliono creare o rinforzare la propria area commerciale e/o quella del marketing.

Il consulente commerciale deve attuare le politiche commerciali dell’azienda e deve riuscire a vendere sui mercati più convenienti.

Il consulente commerciale deve riuscire ad orientate al mercato visto che per vendere bene non è sufficiente avere buoni prodotti, ma bisogna spingerli con delle politiche commerciali e di marketing efficaci e mirate.

Il consulente commerciale lavora per rendere fruibile e disponibile un prodotto a tutti coloro che potrebbero essere interessati ad acquistarlo.

Lavora anche per implementare il mercato aziendale creando e pianificando strategie di marketing, cerca i possibili partner e si interessa di curare le risorse professionali legate al settore della vendita.

In sintesi il consulente commerciale è il responsabile (per conto di un’azienda) di tutti gli aspetti connessi alla commercializzazione di un determinato prodotto. Lavora a stretto contatto con l’ufficio tecnico e con il reparto di produzione e si interessa di creare contatti saldi tra questi e l’azienda.

Fuori dall’azienda ha il compito di relazionarsi con i clienti. I principali compiti di un consulente commerciale sono:

  • osservare il mercato e tutti i suoi cambiamenti;
  • analizzare la domanda;
  • conoscere l’azione dei competitor;
  • definire l’offerta dell’impresa;
  • definire la politica commerciale dell’impresa;
  • gestire i canali commerciali;
  • gestire la rete di vendita;
  • elaborare le offerte;
  • gestire le trattative commerciali in tutte le sue fasi;
  • seguire tutto il processo di fatturazione e di incasso;
  • controllare le vendite;
  • accertarsi della soddisfazione dei clienti;
  • proteggere e promuovere i marchi di cui si occupa;
  • gestire le relazioni con il settore produzione;
  • coordinare l’area commerciale e la rete di vendita;
  • creare alleanze e partnership.

Le qualità necessarie per diventare consulente di commercio

Per diventare consulente di commercio sono necessarie delle competenze tecnico-professionali.

Il consulente deve conoscere bene i prodotti dell’azienda per cui lavora, per questo deve essere capace di imparare velocemente.

Deve avere competenze di marketing sia strategico che operativo, deve saper fare delle analisi di mercato, deve avere capacità organizzative e relazionali (sia all’interno della stessa azienda, si con i clienti, che con le figure professionali di cui si occupa).

Deve inoltre saper definire le condizioni generali per una vendita e saper formulare dei preventivi. Deve anche essere in grado di valutare le qualità di altre persone per scegliere chi dovrà far parte del Team imprenditivo, per questo motivo deve anche dimostrare di avere doti da leader.

Il consulente commerciale deve anche essere disponibile a partecipare a master e convegni oltre che a corsi di aggiornamento.

Visto che non si tratta di un lavoro semplice, non è possibile improvvisarsi consulenti di commercio. Bisogna avere una mente elastica e un’attitudine specifica a questo tipo di lavoro.

Come si diventa consulente commerciale

Molte agenzie propongono numerosi (e a volte costosi) corsi e lezioni per diventare consulente di commercio, ma l’unico modo per diventarlo è l’esperienza.

Se ve la cavate con le vendite e con il rapporto con i clienti e avete conoscenze sulla gestione degli affari, potreste provare a proporvi come consulente di commercio, ma ricordate che vi toccherà imparare e fare una lunga gavetta.

Per essere più chiari non sarete da subito consulenti di commercio esperti e dovrete imparare a conoscere il lavoro, i prodotti, i clienti e ovviamente l’azienda e le sue esigenze.

Dovrete anche imparare tutto l’iter burocratico necessario per chiudere un affare, dovrete imparare a conoscere i vostri collaboratori e tutti coloro con cui vi troverete ad interagire durante il vostro lavoro di consulenza aziendale.

In sintesi non c’è limite alla conoscenza che dovrete avere per diventare un abile consulente di commercio.

Più imparerete a conoscere i prodotti e l’ambiente in cui lavorate, più sarete efficaci nel vostro lavoro.

Ovviamente le qualifiche, le lauree e tutte le esperienze relative al settore economico e/o commerciale, sono una marcia in più per diventare consulente di commercio e farsi assumere da un’azienda.

Quanto guadagna un consulente di commercio

Lo stipendio di consulente di commercio varia da azienda ad azienda, un consulente che lavora in una grande azienda guadagnerà di più di uno che lavora per una piccola azienda. Non si tratta di una regola fissa perché più che all’azienda il guadagno del consulente è da legarsi alle sue capacità.

In genere le aziende offrono un fisso mensile ai suoi consulenti, ma non si tratta dello stipendio completo.

Il resto si guadagna con le provvigioni. Un bravo consulente di commercio avrà molti clienti e proprio a seconda del numero di clienti e di trattative concluse avrà un diverso guadagno.

Un consulente di commercio può arrivare a guadagnare oltre tremila euro mensili, tutto dipenderà dalla sua bravura e dalla sua disponibilità a dedicarsi a questo lavoro.

Qualche consiglio finale

Se desiderate diventare consulenti di commercio mostratevi desiderosi di imparare. Al colloquio dimostrate di essere soggetti dinamici, attivi (per quanto riguarda l’ambito lavorativo) e sicuri di voi (senza esagerare).

Qualora doveste riuscire ad ottenere il posto impegnatevi per conoscere tutto quello che potrà esservi utile per migliorare e vedrete che diventerete membri indispensabili per un’azienda.

Mostratevi disponibili a partecipare ai convegni, lì conoscerete possibili clienti o partner o aumenterete il vostro raggio di azione. Tenetevi sempre aggiornati e mostratevi sempre affabili con i clienti, precisi negli appuntamenti e nella gestione dei documenti per le vendite.

Assicuratevi di dare al lavoro tutto il tempo necessario, più tempo gli dedicherete più le possibilità di guadagnare e di fare carriera nel settore aumenteranno.

Questa figura è un po’ il tuttofare commerciale per un’azienda, visto che si tratta di una figura necessaria è un settore che non va in crisi, anzi! In questo periodo di caos economico è più indispensabile che mai!

Ulteriori risorse utili

Infine, ecco un paio di articoli dedicati al monto dei consulenti e degli agenti, per approfondire il tema legato a queste professioni:

Buona lettura!

mm
Wealth Hacker
Fondatore di Affarimiei.biz nel 2014. Laureato in Giurisprudenza, da sempre divoratore di libri e divulgatore sul web in campo economico e finanziario. Principali passioni: business, finanza personale e investimenti.

 


Scopri che Imprenditore Sei

Ho creato un breve questionario con cui ti aiuto a capire che tipo di imprenditore sei. Al termine, ti guiderò verso i contenuti migliori selezionati in base alla tua situazione di partenza:

>> Inizia Subito <<


 

mm
Wealth Hacker
Fondatore di Affarimiei.biz nel 2014. Laureato in Giurisprudenza, da sempre divoratore di libri e divulgatore sul web in campo economico e finanziario. Principali passioni: business, finanza personale e investimenti.

2 COMMENTI

    • Salve,
      serve per forza una laurea per diventare agente commerciale?
      L’agente commerciale è la stessa cosa di un broker??
      Disponete di corsi online per capire al meglio come diventare agente commerciale?

LASCIA UN COMMENTO