Ha Senso Investire se c’è Crisi?

In molti ci hanno scritto in questo periodo chiedendoci che senso avesse investire in un periodo incerto come quello attuale caratterizzato, ahinoi, dal conflitto in Ucraina.

Sono preoccupato almeno quanto te per quello che sta accadendo e, sul piano personale, sono dispiaciutissimo per il prezzo in termini di vite umane e sofferenze che le popolazioni coinvolte stanno pagando ma, data la mia attività, mi tocca fare una distinzione tra ciò che riguarda la cronaca e ciò che succede all’economia.

L’umanità è venuta fuori da qualsiasi conflitto o problema, se ci pensi ci siamo quasi lasciati alle spalle due anni di pandemia. Anche questa volta, non sappiamo come e quando, con ogni probabilità troveranno una soluzione che convenga a tutti.

Dovranno perché, se non lo fanno, a lungo termine non ci sarà più nulla per cui combattere. A chi conviene la guerra nucleare o la fine del mondo annunciata dai giornali?

Lascia perdere quello che dicono in televisione o sui vari media che, pur di avere la tua attenzione, agitano la paura: gli interessi economici, piaccia o no, alla fine vincono sempre.

Quando l’economia va bene o le Borse salgono non c’è notizia, i portatori di sfiga dei media “godono” solo quando le cose vanno male perché è più facile attirare l’attenzione sulla paura: dov’erano quelli che in tv oggi predicano la fine del mondo nell’ultimo decennio quando le Borse volavano e il Mondo toccava livelli di benessere mai visti prima?

Te lo dico io, erano impegnati a cercare altre sciagure da raccontare per farsi dare retta da qualcuno.

Ciò detto, le crisi e le incertezze non spariranno di certo oggi e per i non addetti ai lavori ci sarà sempre un motivo “valido” per non investire: la pandemia, la guerra, la fine degli stimoli delle Banche Centrali, la crisi del debito sovrano, il crack di Lehman Brothers, Evergrande, ecc. sono solo alcune delle “motivazioni” prese a caso per le quali, se leggi a ritroso le cronache degli ultimi anni, bisognava non far nulla o addirittura vendere tutto.

Ogni problematica di questo tipo, però, ha sempre visto una ripresa sia dell’economia che delle Borse: piaccia o no, oggi stiamo molto meglio di 20 o 30 anni fa nonostante tutto questo e ciò dovrebbe, da solo, spingerti ad essere ottimista.

Anche perché non abbiamo alternative all’ottimismo: se non pensiamo che il Mondo di domani sarà più prospero di quello di oggi non ha senso pensare agli investimenti, tanto vale spendersi tutti i soldi e goderseli a breve termine!

Alla domanda “solita” del “Ha senso investire se c’è crisi”, quindi, la risposta non può che essere affermativa: bisogna investire sempre perché è l’unico modo a nostra disposizione per permettere al nostro patrimonio di rivalutarsi.

Anzi, un momento di incertezza globale può essere un periodo positivo per muovere i primi passi e agganciare la ripresa successiva.

#ADESSOCOMINCIODAVVERO è l’offerta riservata a tutti quelli che vogliono prendere il controllo dei propri investimenti diventando protagonisti della gestione del proprio patrimonio.

Fino al prossimo 4 aprile è possibile aderire con 547€ di ricchi bonus che ti aiuteranno a cominciare al meglio questo nuovo cammino.

Sulla pagina ufficiale trovi tutti i dettagli, rispondendo a questa mail o prenotando una sessione gratuita con il team di Affari Miei potrai risolvere eventuali dubbi o incertezze.

Ti aspetto.

Imprenditore e Investitore - Co-fondatore di Affari Miei Società di Consulenza Finanziaria Indipendente
Ha iniziato il suo percorso nel 2014 scrivendo i primi articoli su Affari Miei. Dopo la laurea in Giurisprudenza, ha approfondito la sua storica passione per l'economia e la finanza conseguendo un Master Executive in Consulenza Finanziaria Indipendente.

0 Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *