Quali Sono i Settori che Traineranno la Ripresa Economica Italiana? 3 Investimenti Italiani Sicuri

La ripresa economica italiana (e non solo) è la protagonista di moltissime notizie. Gli investitori, di cui anche io e te facciamo parte, stanno cercando di mettere a fuoco il contesto attuale, stravolto dai cambiamenti portati dagli effetti della pandemia da Covid-19: quali sono i migliori investimenti sicuri italiani?

Stare con le mani in mano e magari perdere buone occasioni non piace a nessuno, ma anche l’idea di fare passi falsi è particolarmente allettante! In quali settori investire per non sbagliare?

Dunque, in questo articolo voglio mettere l’accento su questo tema e approfondirlo insieme a te.

Ripresa economica: quando?

Occorre innanzitutto fare una premessa di fondo: perché parlo di ripresa economica e dei settori in cui investire per ripartire?

Per un motivo molto semplice: mi rifiuto categoricamente di unirmi a tutte quelle persone che a vario titolo parlano male dell’Italia in continuazione e dipingono il nostro Paese sempre come se stesse per arrivare una catastrofe.

Ok, non siamo la Svizzera o la Silicon Valley, tuttavia tutti i giornalisti, professori universitari e vari guru con il posto fisso  che ogni giorno si svegliano e parlano male del nostro Paese e lo dipingono sempre come una nazione sull’orlo del collasso stanno esagerando, e dipingono un quadro che non credo rispecchi la realtà.

Anche io ho sottolineato più volte i problemi del nostro Paese (perché non voglio neppure negare le criticità), però, al tempo stesso, se siamo ancora nel G20, se siamo ancora in Occidente e se tutto sommato rispetto a tanti altri Paesi del mondo riusciamo ad avere un tenore di vita decente, proprio un Paese del terzo mondo non siamo.

Vantiamo settori dell’economia che vanno bene e che sono da tenere d’occhio, nonostante i problemi che tutti conosciamo.

Fatta questa doverosa premessa, possiamo vedere insieme tre settori che secondo me traineranno la ripresa e sui quali ha senso investire.

>> SCOPRI L’OFFERTA #IOPUNTOSULLITALIA! <<

In quali settori investire?

Ecco quali sono i settori italiani a cui ho fatto riferimento, ovvero quelli che vanno bene e che potrebbero essere adatti a chi cerca buoni investimenti di lungo periodo.

Turismo

Il13% del prodotto interno lordo italiano è costituito dal turismo. Prima del COVID milioni di persone da tutto il mondo venivano in vacanza in Italia; ciò produceva (e produce tutt’ora, anche se meno e diversamente) ricchezza per la nostra bella Penisola: sarai d’accordo con me se affermo che è impensabile auspicare una ripresa economica italiana senza incrementare e valorizzare la risorsa che rappresenta il turismo.

E’ vero che al momento attuale non sappiamo se nei prossimi mesi torneremo a viaggiare come prima, però dire che nessun turista vorrà tornare in Italia mi pare azzardato.

Peggio di com’è andata adesso non potrà andare, in quanto stiamo vivendo un periodo di difficoltà piuttosto grave, ma sembra che le soluzioni si profilino all’orizzonte: con l’allentarsi delle restrizioni, con i vaccini e con le scelte che dovrebbero essere prese a breve, si dovrebbe riuscire a limitare tutta una serie di aspetti negativi che la pandemia purtroppo ha portato a galla. Dunque, non possiamo che aspettarci  l’incremento dei flussi turistici.

Questo ovviamente per chi investe può essere un’opportunità, perché possono esserci aziende o settori collegati al turismo su cui al momento è conveniente investire.

Il 79% di turisti stranieri che vengono in Italia arrivano dall’Unione Europea (principalmente Germania, Francia, Paesi Bassi, Svizzera e Spagna) e, dato che l’Unione Europea sta facendo di tutto per cercare di salvare l’economia, è molto probabile che questo 79% di turisti stranieri da qui ai prossimi anni torni a visitare l’Italia.

Il turismo è importante perché ha un impatto economico su diversi settori e attività della nostra economia: secondo gli addetti ai lavori, su ogni 100 euro spesi dei turisti stranieri in Italia, 30 euro vanno nella ricettività (alberghi, bed&breakfast, case vacanze e attività che hanno a che fare con l’ospitalità), il 13% va nella ristorazione, il 12% nel commercio e il 7% riguarda invece il trasporto aereo.

Questi sono in breve i settori turistici che hanno a che fare con il turismo nei quali secondo me ha senso pensare di investire per prossimi anni.

Export

L’Italia è un paese che esporta: siamo famosi per il nostro export, per il Made in Italy in giro per il mondo, soprattutto nel campo del food dove tante eccellenze sono italiane.

Nonostante la pandemia, le persone all’estero non hanno smesso di mangiare: magari bevono meno vini (a causa delle restrizione la gente è andata meno al ristorante), però non si può pensare che le persone smetteranno di consumare tutti quei prodotti che hanno reso l’Italia grande nel mondo.

Ovviamente qui potrebbero esserci delle opportunità sia in Borsa sia in generale in investimenti che si possono fare a livello imprenditoriale.

Dunque, quello dell’export è il secondo settore da tenere a mente.

Industria

Anche se oggi “l’industria” viene chiamata manifattura per farla sembrare più pulita, non dimentichiamoci che noi siamo la seconda potenza industriale (ops… manifatturiera) d’Europa. Infatti, l’Italia, in quanto a produzione industriale, è seconda solamente alla Germania all’interno dell’UE.

Anche in questo caso parliamo di una serie di eccellenze di attività che sono diversificate in svariati settori: ovviamente il COVID ha impattato anche su questi settori, ma è impensabile che non ci sia un’innovazione e reazione a ciò e che il nostro Paese smetta di crescere.

In particolare, l’Italia è molto forte soprattutto nella produzione di macchinari e apparecchi ad elevato contenuto tecnologico.

Esportiamo soprattutto materiale elaborato a livello industriale nel campo del legno, delle ceramiche, del vetro, senza contare che l’Italia detiene ancora un ruolo estremamente importante nella filiera automotive.

Secondo l’associazione nazionale filiera industriale automobilistica, circa il 30% delle automobili tedesche viene prodotto attraverso la componentistica che arriva dall’Italia. Quindi, magari non siamo in testa alle classifiche perchè FCA ha perso i fasti di un po’ di tempo fa, tuttavia abbiamo tutta una serie di aziende che si sono specializzate nel settore.

Sicuramente il settore automotive sarà uno di quelli che verranno più innovati soprattutto dalla rivoluzione green in corso. E quindi, varrà la pena investirvi.

Conclusioni

Ricapitolando, i settori in cui converrà investire prossimamente sono turismo, export (soprattutto food e alta moda) e manifattura.

Le opportunità di investimento per i prossimi anni partono da qui, ovvero gli ambiti in cui l’Italia eccelle. E sono sicuro che l’UE ci aiuterà e supporterà (come già sembra essere preventivato grazie al Recovery Fund) ad uscire dalla crisi, altrimenti l’Italia non farà più parte della “rosa dei ricchi”, con tutte le conseguenze del caso.

Se vuoi investire sull’Italia, allora sappi che Affari Miei e il suo Centro Studi ha messo a punto la nuova edizione di #IOPUNTOSULLITALIA. Hai tempo fino al 3 maggio per aderire.

Si tratta di una selezione delle migliori eccellenze italiane su cui investire per sostenere la ripresa italiana, ottenendo dei rendimenti vantaggiosi.

Con il Centro Studi, abbiamo scelto le aziende più solide e con prospettive di crescita nei prossimi decenni: così, potrai costruire un portafoglio di lungo termine che coniughi rendimenti e sostegno all’economia reale.

L’obiettivo di IOPUNTOSULLITALIA non è fare trading o speculazioni di borsa ma investire per il lungo periodo. 

Cosa aspetti ad aderire? Ti aspetto!

>> SCOPRI L’OFFERTA #IOPUNTOSULLITALIA! <<

 

Davide Marciano
Imprenditore e Investitore
Fondatore di Affarimiei.biz nel 2014. Dopo la laurea in Giurisprudenza, ha approfondito la sua storica passione per l’economia e la finanza conseguendo un Master in Consulenza Finanziaria Indipendente. Nel 2019 ha scritto il libro "Vivere di Rendita - Raggiungi l'Obiettivo con il Metodo RGGI" ed ha fondato la Affari Miei Academy.
Categorie: Tv

0 Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *