Vivere e Lavorare a Bruxelles: Consigli per Trasferirsi in Belgio

Del Belgio non si sente parlare molto. A differenza di altri paesi europei, questa nazione è poco conosciuta e poco discussa sebbene vivere e lavorare a Bruxelles, capitale del Paese, o in qualche altra città belga non sia affatto una soluzione da scartare se si sta pensando di trasferirsi all’estero nel 2018.

Se si chiede a qualcuno cosa pensa del Belgio probabilmente ci sentiremo rispondere solamente che è un paese in cui piove molto. Ma davvero questo stato ha così poco da offrire come molti credono?

Noi abbiamo indagato e abbiamo così scoperto che in realtà, le persone che lasciano l’Italia per vivere e lavorare a Bruxelles,  non sono poi così poche, anzi. Certo non è tra le capitali più gettonate, ma comunque si può considerare un piccolo paese multiculturale, poiché le etnie che ospita sono tante e diverse.

Non dimentichiamoci inoltre che Bruxelles è la casa dell’Unione Europea e che fa parte dell’area più ricca del nostro continente.

Andiamo allora nel concreto e vediamo insieme i pro ed i contro di un trasferimento.

Vivere e lavorare a Bruxelles, cosa devo sapere?

Innanzitutto il tenore di vita nella capitale belga è molto alto: i prezzi sono abbordabili se paragonati ad altre grandi città europee e i lavori non mancano, soprattutto per certe categorie.

Chi desidera infatti lavorare all’interno dell’amministrazione pubblica o nella diplomazia avrà infatti più chances di altri.

Per lavorare nella capitale è inoltre importante essere bilingue, poiché vi fornirà sempre maggiori possibilità d’impiego.

Proprio perchè è la casa dell’Unione Europea, spesso Bruxelles viene scelta come sede Erasmus dagli studenti che vogliono vedere più da vicino questa parte del mondo.

La presenza di sedi diplomatiche e di istituzioni comunitarie aiuta, anche grazie a diversi programmi UE, soprattutto i laureati in materie economiche e giuridiche: la conoscenza delle lingue straniere, però, è fondamentale.

Ovviamente appena arriverete a Bruxelles il vostro primo pensiero sarà quello di trovarvi un lavoro per mantenervi e non finire subito i risparmi che avete portato con voi.

Di conseguenza vi invitiamo a navigare su tre siti che potranno facilitarvi un po’ la vita:

  • www.leforem.be, ovvero il sito che si occupa di formazione e lavoro in Belgio;
  • www.orbem.be, in cui potrete caricare il vostro curriculum e rispondere a numerose offerte di lavoro;
  • www.onem.be, infine in questo portale potrete interessarvi ai sussidi di disoccupazione.

Gli italiani, ovviamente, non hanno bisogno di un permesso di soggiorno perché sono cittadini dell’Unione Europea.

Se pensate di trasferirvi in pianta stabile, però, dovete puntare a prendere la residenza (anche perché, come in tutti i Paesi, permette di accedere al Welfare ed ai servizi pubblici)

E per quanto riguarda l’alloggio invece? Come trovare un bell’appartamento in affitto nel minor tempo possibile e ad un prezzo conveniente?

In realtà questa fase è davvero semplice, poiché come vi accorgerete ben presto, passeggiando per le strade della capitale troverete direttamente appesi sulle porte, dei cartelloni in cui viene indicato quanto è richiesto per la casa sfitta in questione.

Ciò non significa che si trova casa in un giorno: come in tutto il mondo, ci sono portali con annunci immobiliari, agenzie, eccetera.

Ecco alcuni siti che potrebbero tornarvi utili:

  • www.immoweb.be/fr
  • www.appartager.be

Vivere e lavorare a Bruxelles può essere una straordinaria esperienza se affrontata con spirito di sacrificio e dedizione: nessuno vi sta aspettando, sta a voi mettervi in gioco e partire.

Prima di salire sull’aereo, però, assicuratevi di avere le giuste informazioni e le competenze di base per potervi inserire in tempi rapidi in una società diversa da quella italiana.

Per quanto riguarda i pro ed i contro, possiamo dire che non ci sono particolari svantaggi se per svantaggi intendiamo i problemi che affliggono l’Italia: corruzione, mafia, clientelismo e simili a queste latitudini sono parole meno note.

Potreste incontrare sicuramente delle difficoltà: ogni mondo è paese e non è detto che sia tutto rose e fiori. Sicuramente, comunque, bisogna pensare di adattarsi a vivere in maniera diversa e ciò, alla lunga, non può che farvi crescere.

mm
Fondatore di Affarimiei.biz nel 2014. Laureato in Giurisprudenza, da sempre divoratore di libri e divulgatore sul web in campo economico e finanziario. Principali passioni: business, finanza personale e investimenti.
mm
Fondatore di Affarimiei.biz nel 2014. Laureato in Giurisprudenza, da sempre divoratore di libri e divulgatore sul web in campo economico e finanziario. Principali passioni: business, finanza personale e investimenti.

LASCIA UN COMMENTO


Ricevi gli aggiornamenti da Affari Miei