Quanto Guadagna un Geometra? Ecco la Guida alla Professione

Quella del geometra rientra tra le professioni che possono essere svolte possedendo anche un semplice diploma di scuola superiore ed è un lavoro sicuramente ben pagato. Ma quanto guadagna un geometra in Italia? Oggi risponderemo insieme a questa domanda.

Infatti, in questo articolo andremo ad analizzare tutti i fattori che determinano il guadagno di un geometra, e del percorso previsto per ricoprire questo ruolo.

Se sei anche tu alla ricerca di tutte queste informazioni sulla professione del geometra allora ti consiglio di proseguire con la lettura dell’articolo!

Qual è il percorso previsto per diventare geometra?

Come ho già accennato nella breve introduzione, se hai intenzione di diventare un geometra il primo requisito necessario è sicuramente il diploma.

Stiamo parlando di un diploma di istruzione tecnica, o di geometra, con un indirizzo per le costruzioni, per il territorio o per l’ambiente.

Dopo aver ottenuto il diploma che preferisci e che ti permetterà di svolgere questa professione, potrai decidere se frequentare un corso di laurea oppure sostenere degli esami che approfondiranno la tua preparazione.

Tra le facoltà consigliate ricordiamo soprattutto quelle citate in seguito:

Successivamente potrai iscriverti al rispettivo albo professionale, ossia all’Albo dei Geometri, ovviamente dopo aver conseguito l’esame di abilitazione.

Di che cosa si occupa?

I compiti che deve svolgere un bravo geometra sono diversi. Infatti, conseguita l’abilitazione per entrare all’albo, il geometra dovrà:

  • Essere in grado di gestire un cantiere, sia pubblico, sia privato;
  • Svolgere attività di certificazione normativa in diversi ambiti;
  • Svolgere attività di progettazione in ambito rurale, civile e industriale;
  • Svolgere attività di rivelazione del territorio e delle strutture edilizie esistenti;
  • Svolgere un’attività di mediatore nei procedimenti della mediazione civile che sono obbligatori per risolvere delle controversie negli ambiti definiti dalla legge;
  • Svolgere attività amministrative del patrimonio edilizio;
  • Svolgere attività di consulenza complementare nel settore della fiscalità e tributi nelle attività edilizie e nella gestione di patrimoni immobiliari;
  • Svolgere funzioni tecniche ed amministrative alla filiera del mondo delle costruzioni.

Ora che abbiamo capito per bene qual è il percorso da seguire per diventare geometra e quali sono le principali attività che questa figura professionale deve svolgere, possiamo occuparci dell’argomento centrale del nostro articolo: quanto guadagna un geometra? Vediamolo insieme!

Quanto guadagna un geometra dipendente?

Il geometra può lavorare in diversi modi. Può infatti esercitare la professione presso lo studio di un altro professionista, oppure all’interno del comune, ma può anche lavorare in cantiere oppure essere un libero professionista.

Nel primo caso, ossia un geometra dipendente che decide di svolgere il suo lavoro in un comune, può arrivare a guadagnare uno stipendio minimo di circa 1200 euro al mese, anche se, almeno all’inizio, potrebbe dover svolgere delle mansioni che non gli spettano.

Un geometra che decide invece di affidarsi ad uno studio per fare un praticantato guadagnerà uno stipendio molto più basso di questo. Di solito si tratta di una cifra ridicola che si aggira attorno ai 400 euro ma che è destinata a crescere in base all’esperienza e agli anni di gavetta.

Quanto guadagna un geometra in cantiere?

Anche nel caso del geometra che lavora in cantiere, così come accade per la maggior parte delle professioni lavorative, lo stipendio potrebbe essere basso all’inizio ma, con il passare degli anni e, quindi, accumulando esperienza, il guadagno potrà solo aumentare.

Se hai intenzione di svolgere la professione del geometra nel cantiere devi però tenere a mente che in questi casi serve una figura attenta, allo stesso tempo affidabile e disposta a lavorare anche oltre gli orari lavorativi.

Parliamo comunque di uno stipendio sicuramente più alto rispetto a quello che percepiresti se fossi un geometra dipendente. Si tratta infatti di un compenso economico che oscilla tra i 900 euro e i 1600 euro. Uno stipendio che può aumentare anche fino a 1800 euro.

Quanto guadagna un geometra che lavora come libero professionista?

L’ultima opzione di cui ci occuperemo oggi è quella del geometra che lavora come libero professionista. Si tratta di un discorso piuttosto complesso in quanto svolgere questo lavoro in modo indipendente non è affatto facile.

Prima di arrivare a guadagnare degli stipendi dignitosi come geometra professionista dovrai infatti affermarti nel settore, farti una certa fama, grazie soprattutto al passaparola dei tuoi clienti.

Nell’ambito dei geometri che lavorano come liberi professionisti troverai tanta concorrenza e, giustamente, i più esperti, tenderanno anche a comportarsi come dei padroni.

Tuttavia quella del libero professionista ha sicuramente diversi vantaggi, primo tra tutti è proprio l’indipendenza e la possibilità di arrivare a guadagnare molto di più rispetto alle classi di cui abbiamo parlato nei paragrafi precedenti.

In linea di massima possiamo dire che lo stipendio di un geometra che lavora come libero professionista, ossia in uno studio proprio, si aggira attorno a cifre molto più alte rispetto a quelle di cui abbiamo parlato fino ad ora. Stiamo parlando di uno stipendio che arriva fino a 4000 euro netti al mese.

mm
Fondatore di Affarimiei.biz nel 2014. Laureato in Giurisprudenza, da sempre divoratore di libri e divulgatore sul web in campo economico e finanziario. Principali passioni: business, finanza personale e investimenti.
mm
Fondatore di Affarimiei.biz nel 2014. Laureato in Giurisprudenza, da sempre divoratore di libri e divulgatore sul web in campo economico e finanziario. Principali passioni: business, finanza personale e investimenti.

LASCIA UN COMMENTO