Quanto Guadagna un Chirurgo: Guida ai Vari Sbocchi Professionali

Quella del chirurgo è sicuramente una delle professioni più ambite, soprattutto in virtù del fatto che si possono percepire degli stipendi molto elevati e più che dignitosi. Ma quanto guadagna un chirurgo? Quali sono gli sbocchi professionali?

Visto che può intervenire, in tutti i sensi, in tantissimi diversi settori della medicina, è il caso di fare una vera e propria panoramica sul mestiere per capire qual è lo stipendio di questo professionista.

Se anche tu vuoi scoprire qual è il salario del chirurgo e vuoi capire quali sono le principali differenze tra i vari settori, allora sei nel posto giusto e ti consiglio di proseguire con la lettura!

Diventare chirurgo non è affatto semplice

La professione del chirurgo, così come qualsiasi altro lavoro che si vuole intraprendere dopo la laurea in Medicina e Chirurgia, prevede un percorso di studi piuttosto lungo e tortuoso, ricco di sacrifici.

Terminato questo percorso di studi, che, tra tirocini, università e corsi di specializzazione dopo la laurea, ha una durata minima di almeno 6 anni, ti assicuro, però, che arriverai a guadagnare degli stipendi molto elevati, soprattutto se sei mosso dalla passione per il lavoro.

Per essere più precisi e avere un quadro completo di questo percorso, di seguito ti mostro tutti i passi da seguire per diventare chirurgo o, comunque, medico:

  • Prima di tutto dovrai superare il test d’ingresso della facoltà di Medicina e Chirurgia. Un test che molti temono non solo per la sua difficoltà ma anche per la modalità stessa dell’esame che verte su materie quali biologia, chimica, matematica, logica, cultura generale e fisica;
  • Una volta che hai superato il test puoi iniziare a seguire il corso universitario in Medicina e Chirurgia che dura almeno 5 anni e al termine dei quali otterrai la laurea;
  • Ottenuta la laurea di Medicina e Chirurgia dovrai iniziare a considerare le varie possibilità per specializzarti, e fare il test d’ingresso presso la specialistica che hai scelto;
  • Terminato anche il periodo di specializzazione non ti resta che fare l’Esame di Stato per entrare nell’albo professionale dei medici e dei chirurgi, con la specializzazione conseguita.

Purtroppo, gli studenti che si arrendono durante questo percorso così tortuoso sono veramente tanti.

Non farti buttare giù, ti assicuro che se hai una passione per questo lavoro riuscirai nel tuo intento e inizierai ad essere ripagato sia dal punto di vista personale sia da quello economico.

Quando inizia a guadagnare un medico?

In realtà, inizierai a percepire uno stipendio, anche se minimo, sin dai primi tirocini che dovrai fare durante il periodo universitario per specializzarti e perfezionarti nella professione.

Infatti, il medico, o il chirurgo, inizia a portare a casa uno stipendio del tutto dignitoso sin dagli anni della specializzazione. In tal caso si tratta di un guadagno mensile di circa 1700 euro al mese. Niente male per essere alle prime armi!

Andiamo quindi a vedere, nello specifico, quanto guadagna un chirurgo, soprattutto in base alla specializzazione conseguita, una volta che ha terminato il suo percorso di studi ed è entrato nel rispettivo albo professionale.

Quando e quanto inizia a guadagnare un chirurgo generale esperto?

In linea di massima, possiamo dire che, un chirurgo generale, all’inizio della sua carriera e al di fuori del percorso di specializzazione, percepisce circa 2500 euro al mese.

Tuttavia, così come accade per qualsiasi altro tipo di mestiere, anche nel caso dei chirurghi, maggiore sarà l’esperienza, e maggiore può essere lo stipendio percepito.

Generalmente si ritiene che un chirurgo generale esperto percepisce un minimo di 60 mila euro lordi ogni anno, senza considerare tutte le entrate extra, come le consulenze al di fuori dell’ambulatorio, i turni, le indennità e via dicendo.

Quanto guadagna un chirurgo specializzato esperto?

Un discorso diverso va invece fatto per il chirurgo specializzato. In tal caso lo stipendio di questa figura professionale aumenta in modo vertiginoso e non va mai al di sotto dei 200 mila euro lordi l’anno. 

In pratica, se hai deciso di specializzarti, ad esempio, in chirurgia estetica, oppure in chirurgia oftalmica o cardiaca, o qualsiasi altra specializzazione della chirurgia, andrai a percepire una somma che è pari al triplo di quello che guadagneresti se fossi un semplice chirurgo generale, senza specializzazione.

La specializzazione che ti permette di guadagnare uno stipendio più alto in assoluto, anche rispetto alle altre, è sicuramente quella della chirurgia estetica.

La figura del chirurgo plastico viene ormai vista come una delle più pagate, soprattutto a causa del fatto che le persone che ricorrono alle sue procedure sono in continuo aumento.

Quali sono i fattori che possono influenzare lo stipendio di un chirurgo?

In ogni caso, fare una distinzione tra chirurgo generale e chirurgo specializzato, non è sufficiente per determinare esattamente quanto guadagnano queste figure professionali.

Possono infatti subentrare tanti altri fattori ad influenzare lo stipendio finale di un chirurgo, sia esso generale oppure no. Tra questi fattori ricordiamo sicuramente quelli citati in seguito;

  • Il tipo di struttura ospedaliera in cui si lavora, ossia se si tratta di una struttura privata o pubblica;
  • I turni che lo specialista deve fare;
  • Gli extra che il chirurgo può fare, ad esempio con delle visite a domicilio e via dicendo;
  • Le indennità del chirurgo.

 Ulteriori risorse utili

Se vuoi approfondire altri percorsi che ti possono permettere di lavorare nella sanità, eccoti alcune guide che ho scritto:

Buona fortuna per il tuo futuro!

mm
Fondatore di Affarimiei.biz nel 2014. Laureato in Giurisprudenza, da sempre divoratore di libri e divulgatore sul web in campo economico e finanziario. Principali passioni: business, finanza personale e investimenti.
mm
Fondatore di Affarimiei.biz nel 2014. Laureato in Giurisprudenza, da sempre divoratore di libri e divulgatore sul web in campo economico e finanziario. Principali passioni: business, finanza personale e investimenti.

LASCIA UN COMMENTO