Prestito d’Onore: Cos’è e Come Funziona

I prestiti d’onore sono un fondamentale strumento per accedere al credito a condizioni particolarmente vantaggiose. Grazie a questa tipologia di finanziamenti, infatti, alcune categorie di persone possono ottenere liquidità a condizioni agevolate per dare vita ai propri progetti.

Solitamente questi prestiti vengono erogati ai giovani o alle persone che aspirano ad avviare un lavoro autonomo e sono frutto di accordi presi tra i singoli istituti di credito e gli organi istituzionali.

Ma in cosa consistono, esattamente, queste agevolazioni? Come funzionano i prestiti d’onore e da chi possono essere richiesti?

In questa guida cercheremo di approfondire l’argomento dando una risposta a queste domande in maniera definitiva, analizzando quello che offre il mercato.

Come funzionano i prestiti d’onore

Per prima cosa andiamo a vedere come funzionano questi finanziamenti. La particolarità di questi prodotti è quelli di prevedere delle agevolazioni relative alle modalità di rimborso. Nei prestiti personali classici il pagamento delle rate comincia in maniera contestuale all’erogazione del finanziamento.

Per quel che riguarda il prestito d’onore, invece, è previsto un margine temporale in cui il cliente ha la possibilità di dedicarsi alla propria attività (sia essa lavorativa o di studio) per poi pesare in un secondo momento al rimborso del capitale erogato.

Proviamo a fare qualche esempio per comprendere meglio le dinamiche che regolano questo finanziamento. Quando viene erogato un normale prestito personale il rimborso parte dal mese successivo a quello di erogazione.

Nel caso di un prestito d’onore per uno studente universitario, ad esempio, il piano di rimborso, ossia il pagamento delle rate, comincerà solo ed esclusivamente dopo la fine del piano di studi.

Lo stesso vale per quel che riguarda i finanziamenti d’onore erogati per la costituzione di microimprese o per il lavoro autonomo. Spesso a questa agevolazione corrisponde anche il calcolo di interessi sulla base di tassi più convenienti rispetto a quelli che vengono proposti normalmente per i prodotti bancari.

Nel caso di prodotti dedicati ai giovani studenti universitari, infatti, spesso ci sono accordi con le stesse facoltà, mentre nel caso dei prestiti per la creazione di microimprese ci sono in ballo sovvenzioni pubbliche o fondi europei.Prestito d'onore

Una guida completa a questo argomento si può trovare sul sito di prestitisbp.com sul quale è possibile trovare anche alcuni bandi di concorso per prodotti agevolati nelle varie regioni d’Italia.

Prestito d’onore per giovani studenti

Un esempio classico di prestito d’onore è quello relativo agli studenti universitari. Sono molti gli istituti di credito che erogano questi prodotti a sostegno degli studenti più meritevoli. Vediamo come funzionano nel dettaglio.

In linea di massima questi prodotti bancari sono riservati ai migliori studenti che hanno un reddito basso e, per questo, rischiano di essere tagliati fuori dalla formazione di alto livello.

Generalmente questi finanziamenti permettono di sostenere tutte le spese relative allo studio: dall’acquisto di libri e materiale didattico, passando per il pagamento delle spese relative al vitto e alloggio (nel caso di studenti fuori sede), così come il costo di master post universitari e tutto quello che ha a che fare con lo studio e la formazione.

Qui di seguito andiamo a segnalare alcuni dei migliori prestiti d’onore per studenti:

  • Unicredit: la seconda banca italiana ha, tra i tanti prodotti del settore creditizio, il Unicredit ad Honorem, il prestito d’onore dedicato agli studenti universitari residenti in Italia di cittadinanza comunitaria e extracomunitaria. Il prestito si divide in 3 fasi. La prima è chiamata periodo di fruizione e può durare da un minimo di 1 ad un massimo di 3 anni. E’ il periodo in cui il giovane può pensare solo allo studio ed utilizzare il credito in base alle proprie esigenze formative. Il secondo è chiamato periodo di grazie, e può essere utilizzato per un massimo di 2 anni. In questa fase il giovane non può più usare il credito ma non deve comunque provvedere al pagamento delle rate. La banca concede questo periodo per poter trovare un impiego. Infine parte il periodo di rimborso che può durare fino ad un massimo di 15 anni, in cui il giovane è chiamato a far fronte agli impegni presi con la banca e, quindi, al pagamento dele rate. Per avere maggiori informazioni sul prestito d’onore di unicredit si può domandare direttamente presso la propria Università.
  • Banca Sella: una banca online può offrire anche prodotti specifici come quelli agevolati per gli studenti? Nel caso di Sella la risposta è si. Con il finanziamento d’onore di Banca Sella si possono finanziare anche i costi di master post universitari con un margine di tempo di 6 mesi per poter trovare un impiego e cominciare il pagamento delle rate mensili. Inoltre la banca riserva, ai migliori studenti, delle condizioni agevolate anche per quel che riguarda il tasso di interesse. Per maggiori informazioni si può contattare la banca direttamente al numero di telefono 800.142.142.

Anche in ottica regionale si possono scovare delle ottime opportunità. In questi anni, ad esempio, la regione Sicilia ha varato degli accordi con università e istituti di credito per l’erogazione di prodotti dedicati ai ragazzi volti proprio a garantirne l’accesso alla formazione.

Qui sotto è possibile trovare il video con una breve introduzione a questa ottima iniziativa.

Prestito d’onore per microimprese

Chi è disoccupato ma ha intenzione di aprire una propria attività, anche come libero professionista, può provare ad accedere ai finanziamenti agevolati di Invitalia.

In cosa consiste questa opportunità? In poche parole vengono erogati prestiti d’onore a tutti i residenti nelle regioni Abruzzo, Calabria, Campania, Basilicata, Puglia, Sicilia, Sardegna e Molise che non abbiano un lavoro ne come dipendenti ne autonomo.

Invitalia eroga dei mutui agevolati, contributi a fondo perduto per gli investimenti e un contributo sulle spese di gestione per il primo anno di attività. Si tratta, quindi, di un prestito d’onore erogato a condizioni agevolate volto proprio a favorire l’autoimpiego, ossia la creazione di micro imprese per tutti coloro non abbiano un lavoro fisso.

Ovviamente, per tutto il periodo di durata delle agevolazioni il lavoratore autonomo è obbligato a non accettare oferte di lavoro a tempo indeterminato pena il decadimento delle agevolazioni in corso. Il tetto massimo agevolabile è fissato in 25.823 euro e non vengono ammesse tra le spese la fee di ingresso o le royalties.

Oltre ai prodotti offerti da Invitalia segnaliamo, anche, le tante proposte degli enti e delle associazioni di categoria, come quelli proposti dalla Cassa Nazionale di Previdenza ed Assistenza per gli Ingegneri ed Architetti Liberi Professionisti (Inarcassa) dedicati ai propri iscritti che rispondono a determinati requisiti tecnici e di reddito.

Anche queste iniziative sono molto interessanti e permettono, a chi sta avviando il proprio percorso professionale, di poter ottenere i fondi necessari per affrontare le spese più importanti.

I prestiti d’onore convengono davvero?

Siamo arrivati alla fine della nostra guida dedicata a questa tipologia di finanziamenti, ed è ora di tirare le dovute conclusioni.

In linea di massima possiamo dire che i prestiti d’onore rappresentano una realtà davvero molto interessante che permette di poter accedere al mondo del credito e avere il tempo di dedicarsi al proprio percorso potendo pensare in un secondo momento alla restituzione del capitale erogato.

Specialmente nel caso dei giovani studenti questi prodotti finanziari diventano quasi fondamentali.

Oggi, infatti, poter fare un percorso formativo di altissimo livello è la base di partenza necessaria per potersi garantire un percorso professionale di livello superiore. Ma una formazione di alto livello comporta anche dei costi molto alti che non tutti possono permettersi.

Con il prestito d’onore si può aggirare questo problema, avere la possibilità di dedicarsi senza troppi pensieri, allo studio e avere anche il tempo di accedere al mondo del lavoro prima di cominciare a far fronte agli impegni presi con la banca.

Proprio per questo motivo, invitiamo tutti i ragazzi che hanno bisogno di liquidità per finanziare i propri studi di chiedere informazioni presso la propria università o presso gli uffici della regione.

mm
Fondatore di Affarimiei.biz nel 2014. Laureato in Giurisprudenza, da sempre divoratore di libri e divulgatore sul web in campo economico e finanziario. Principali passioni: business, finanza personale e investimenti.
Affari-Miei
mm
Fondatore di Affarimiei.biz nel 2014. Laureato in Giurisprudenza, da sempre divoratore di libri e divulgatore sul web in campo economico e finanziario. Principali passioni: business, finanza personale e investimenti.

LASCIA UN COMMENTO