Quanto Guadagna un Camionista? Stipendio Medio e Prospettive Future

Desiderate diventare camionisti, ma non sapete come fare? Quanto guadagna un camionista? Oggi vi aiuteremo a conoscere tutte le fasi del percorso per diventare camionisti.

Premettiamo che non si tratta di un percorso semplice, ma se siete motivati riuscirete a superare tutte le difficoltà e a diventare camionisti.

Non tutti conoscono l’iter necessario per diventare camionisti o le effettive mansioni di un camionista, o i guadagni che possono derivare da questa professione.

Quanto si guadagna? Quali sono le prospettive di carriera? Come si riesce a diventare camionisti e cosa fa davvero un camionista?

Vediamo assieme le risposte.

Cosa fa un camionista

Non si tratta solo di guidare per giorni interi o per ore, c’è molto di più. Un camionista, sarebbe meglio chiamarlo autotrasportatore, trasporta merci per conto terzi con autocarri, autotreni e autoarticolati.

Un camionista deve essere inserito nell’albo degli autotrasportatori per poter lavorare con i mezzi di trasporto che, con massa a pieno carico, superano le 3,5 tonnellate. Quindi per diventare camionista non basta salire su un camion, ma serve un percorso specifico (lo scoprirete nel prossimo paragrafo).

Inoltre il camionista non si occupa solo di trasportare le merce, ma aiuta anche a caricare e a scaricare i prodotti trasportati.

I camionisti possono trasportare le merci per pochi chilometri e/o fare trasferte all’estero e a seconda delle tratte il guadagno si differenzia (nel corso dell’articolo capirete anche quanto guadagna un camionista e come).

Come diventare camionista

Per diventare camionista bisogna avere la patente C e la CQC. Da 18 anni è possibile iniziare a guidare camion prendendo la patente C1 assieme alla CQC.

La patente C serve per guidare i camion, ma non in senso professionale. Questo tipo di patente vale solo se dovete portare il camion per un utilizzo personale.

Se invece desiderate diventare camionisti di professione dovrete prendere anche la patente CQC una carta di qualificazione che vi abilita come camionista professionista.

La patente C1 ha un limite di tonnellaggio, una volta conseguiti i 21 anni si può richiedere la patente C. Ovviamente per ottenere sia la C1, che la C, che la CQC dovrete prima possedere la patente B.

Come per ogni patente anche per ottenere quelle necessarie per fare il camionista dovrete sostenere un esame scritto e un esame pratico.

Le patenti per il trasporto merci sono valide per 5 anni fino ai 65 anni, mentre dopo i 65 anni la patente va rinnovata ogni due anni.

Per guidare autotreni e autoarticolati fino a 20 tonnellate a pieno carico dovrete avere la patente CE che va rinnovata ogni anno fino a 68 anni. Dopo i 68 anni la patente CE si declassa a patente C.

Per diventare camionista preparatevi a studiare molto, all’esame sono richieste conoscenze molto ampie delle norme della circolazione stradale e delle norme di sicurezza (con un occhio di riguardo ai cosiddetti utenti deboli della strada).

Inoltre dovrete conoscere anche le diverse formalità burocratiche e amministrative, tutti i documenti necessari per la circolazione dei mezzi, e tutto ciò che concerne il trasporto merci a livello nazionale ed internazionale.

Dovrete anche conoscere bene il camion e sapere come fare per individuare gli eventuali guasti e per ripararlo, dovrete studiare anche come fare per caricarlo e per distribuire i carichi in sicurezza, dovrete conoscere bene i diversi limiti di velocità, saper leggere le carte stradali, sapere come pianificare un percorso e conoscere bene tutto ciò che possa esservi utile per il trasporto merci.

Vi avevamo detto che si tratta di un percorso impegnativo! Del resto si tratta di un mestiere importante e pieno di responsabilità ed affrontare il tutto a cuor leggero non è una buona idea.

CQC è la sigla per Carta di Qualificazione del Conducente ed è obbligatoria dal 10 settembre del 2009.

Percorso formativo e burocratico

Per ottenere la CQC dovrete seguire un corso di formazione e superare un esame, ogni 5 anni dovrete fare anche un corso di aggiornamento obbligatorio. Per ottenere la CQC sono necessarie 280 ore di lezione e 20 ore di esercitazioni di guida.

Per seguire i corsi e prendere le varie patenti dovrete rivolgervi alle autoscuole o a degli enti accreditati come le associazioni di categoria o i consorzi.

Per superare l’esame per la CQC dovrete studiare il Manuale CQC che si trova in vendita nelle autoscuole.

L’esame si svolge all’Ufficio della Motorizzazione civile l’esame dura 120 minuti e il limite massimo è di 6 errori su 60 domande. Per ottenere la QCQ dovrete superare entrambi gli esami, sia il teorico che il pratico.

La domanda per sostenere l’esame va compilata sul modulo TT 2112. Si tratta di un prestampato che si trova sia presso gli uffici postali che presso la Motorizzazione Civile.

Assieme alla domanda dovrete presentare anche due foto in formato tessera, e le ricevute dei versamenti di euro 15 sul c/c n. 9001, e di due versamenti di euro 14,62 sul c/c n. 4028.

Inoltre dovrete presentare due fotocopie fronte retro di un documento di riconoscimento valido e due copie del Codice Fiscale. Per fare il camionista è necessario anche un certificato medico di idoneità.

Dovrete sostenere e superare alcune visite e prove fisiche, durante la visita il medico verificherà anche i tempi di reazione agli stimoli. Infine per trasportare merci pericolose dovrete prendere i CAP, licenze apposite per il trasporto di materiali pericolosi.

Guadagno medio di un camionista e possibilità di carriera

Un camionista guadagna bene, ma i sacrifici sono moltissimi e le rinunce tante. Inoltre guidare per giorni interi causa stress, per questo è necessaria tanta pazienza.

Lo stipendio medio di un camionista italiano (alle dipendenze di una piccola o di una media azienda) è di circa 2000 euro al mese, mentre all’estero si arriva ad una retribuzione di ben 3000 euro.

Un camionista italiano che lavora per una grande azienda può però superare i 2000 euro mensili.

Le vostre abilità come camionista vi aiuteranno a farvi un nome nel settore. Se riuscirete a diventare camionisti diligenti, precisi e attenti potreste essere richiesti per mansioni più redditizie o da grandi aziende che offrono stipendi più alti.

Diventare camionista è difficile, e lo è anche fare carriera. Vi ricordiamo che per fare questo mestiere sono necessari spirito di sacrificio e dedizione, ricordate che i camionisti che lavorano sulle lunghe tratte restano lontani dai propri cari anche per settimane.

Ulteriori risorse utili

Per chi fosse alla ricerca di qualche idea per avviare un’attività e mettersi in proprio, abbiamo selezionato alcuni articoli:

In ogni caso nella nostra sezione dedicata alle idee imprenditoriali è possibile trovare numerosi spunti! Buona lettura!


Scopri Come Aumentare le Tue Entrate Senza Sforzi

>> I Metodi Garantiti per Fare Soldi Extra Subito <<


mm
Wealth Hacker
Fondatore di Affarimiei.biz nel 2014. Laureato in Giurisprudenza, da sempre divoratore di libri e divulgatore sul web in campo economico e finanziario. Principali passioni: business, finanza personale e investimenti.
mm
Wealth Hacker
Fondatore di Affarimiei.biz nel 2014. Laureato in Giurisprudenza, da sempre divoratore di libri e divulgatore sul web in campo economico e finanziario. Principali passioni: business, finanza personale e investimenti.

4 COMMENTI

  1. Buongiorno intanto alcune cose sono false e infondate per mio vedere l’autista non partecipa assolutamente all’attivita’ di carico e scarico del mezzo ma controllo e dirige le operazioni se richiesto altrimenti dovrebbe restare a debita distanza a controllare le operazioni per quanto riguarda la paga si che l’autista percepisce anche 2000 euro mensili ma attenzione non deve ammalarsi non infortuni non fare ferie altrimenti quei famosi 2000 euro diventano 1400 o meno in quanto non percependo trasferta non arriverai mai alla sommetta che fanno credere

  2. Anche tu esagerato non ammalarsi ho fare ferie penso che le ferie sono un diritto di tutti è poi ammalarsi può capitare, anche i camionisti sono persone non sono macchine

  3. Buongiorno a tutti.
    Sono Simone 39 anni camionista dipendente di una ditta , guido un autoarticolato il cosidetto bilico.
    Allora premesso che l’orario di lavoro giornaliero è mediamente di 12 ore, da quando si accende il camion al mattino a quando lo si spegne e si smonta la sera, e ne vengono pagate 9 di queste 12 ore, e se ne fai 13-14-15 te ne vengono pagate sempre 9, l’unica cosa che porta lo stipendio su dai 1300- 1400 € che prende un operaio sono le traferte perche con 25 € di trasferta al giorno moltiplicate per 20 giorni in un mese si arriva a 500 €.
    Quindi 1400 € + 500= 1900€
    Un operaio pero 1400€ li prende lavorando 9 ore o 8 ore effettive, l’autista lavorandone 12 e fermandosi a pranzare 45 minuti se gli va bene.
    Dai 1900 € devi tirare via una media di 15 € al giorno di pranzo che moltiplicato per 20 giorni fa 300 €.
    Quindi 1900 € – 300 € = 1600 €
    200 € in piu di un operaio, con la responsabilita di un mezzo e del carico e se per sfiga ti becchi una multa la devi pagare tu.

    Ser sei in feri la trasferta non la prendi e vieni pagato per 8 ore al giorno, ma questo non sarebbe un problema, il problema è quando sei al lavoro che devi essere sempre tutto di corsa, disponibile spesso a lavorare oltre le 12 ore al giorno, pagato 9 perche nessuno controlla o i controlli sono corrotti ed alla fine del mese ti sei spaccato la schiena per 200 € in piu di un operaio.

    Ahh dimenticavo, per trasportare le merci pericolose non si deve prendere il CAP ma l’A.D.R (Accord Dangereuse Route).

    Lo dico perche chi fa questi articoli, molto spesso non sa nulla di cio che significa svolgere un determinato lavoro o non approfondisce il discorso scavando a fondo nei problemi e quindi reperisce soltanto le cose positive che gli vengono raccontate.

  4. Pazzesco… hanno burocratizato in tal modo che diventò impraticabile prendere la patente e fare il camionista. Come qualcuno aveva previsto, “arriverà il tempo cui sarà più facile fare il pilota di uno aereo anziche guidare un’auto o camion”. Sarà ancora peggio perché tra qualche anno tutti gli autisti verranno spazzati via dalla intelligenza artificiale che guidarà da sola i mezzi di trasporto. Siamo fottuti in mano a questi politici (carnefici).

LASCIA UN COMMENTO