Come Diventare Nutrizionista: Percorso di Studi, Stipendio e Prospettive di Lavoro

Come diventare nutrizionista? Qual è il percorso da seguire e cosa fa questo esperto in scienze della nutrizione umana?

Prima di descrivere il percorso che occorre seguire per arrivare a svolgere la professione, è opportuno capire di cosa si occupa il nutrizionista.

Egli è un professionista esperto di scienza dell’alimentazione e della nutrizione, capace di offrire consigli nutrizionali, ed elaborare diete per singoli individui o gruppi di persone.

I regimi alimentari che prescrive si fondano su competenze riguardanti la conoscenza degli alimenti e delle loro proprietà salutistiche. 

Dunque, il nutrizionista è a conoscenza delle caratteristiche nutrizionali dei cibi ed è in grado di analizzare i bisogni energetici dell’uomo, attraverso determinate analisi metodologiche.

Percorso di studi per diventare nutrizionista

Attualmente in Italia possono svolgere la professione di nutrizionista coloro che sono laureati in Medicina e Chirurgia, oppure in Biologia.

Seppure tanti corsi di laurea, come ad esempio quello in Farmacia, si occupino di alcune materie vicine, non possono elaborare diete.

Il farmacista, infatti, può limitarsi a consigliare l’utilizzo corretto di integratori alimentari o di prodotti dietetici ma non può stilare alcuna dieta, seppure le sue conoscenze riguardanti gli alimenti possano, in teoria, permetterglielo.

Dunque, esclusivamente i medici e i biologi, possono per legge procedere all’elaborazione di un regime alimentare da seguire scrupolosamente.

Riepilogando, per arrivare a svolgere la professione è necessario il conseguimento del titolo di laurea che, però, non basta a fornire tutte le conoscenze necessarie per conseguire l’iscrizione all’Albo dei biologi nutrizionisti.

Infatti, sia se laureati in medicina sia se in biologia, è indispensabile seguire corsi di perfezionamento della scienza dell’alimentazione dopo la laurea. 

Dopo il periodo di specializzazione sarà possibile candidarsi per svolgere l’esame di Stato necessario all’iscrizione all’Albo Professionale di riferimento.

È proprio il superamento dell’esame di Stato a concedere l’abilitazione alla professione.

Tuttavia va precisato che i corsi post-lauream non rappresentano un titolo abilitante ma svolgono solo un ruolo di completamento del proprio profilo.

Il percorso, come si evince, è abbastanza lungo soprattutto per chi decide di proseguire dopo il corso di laurea in medicina e chirurgia, dalla durata di sei anni.

Mentre coloro che si iscrivono al corso di laurea in biologia, potranno dedicarsi al mondo della corretta nutrizione, dopo il conseguimento della triennale.

Differenza tra dietologo, dietista e nutrizionista

Tra queste professioni spesso c’è una certa confusione. Cerchiamo di mettere ordine.

Il Dietologo è laureato in Medicina e Chirurgia e successivamente ha conseguito la specializzazione in Scienze dell’Alimentazione dopo quattro anni di studio. Siamo di fronte ad un medico che svolge diagnosi riguardo le patologie del suo settore di competenza e può prescrivere diete e farmaci.

Il Dietista invece è appunto laureato in Dietistica, corso di studi facente parte delle lauree sanitarie triennali della facoltà di Medicina e Chirurgia. Per accedere a questo percorso è necessario superare un test a numero chiuso.

Il Dietista lavora sia in ospedale che ambulatorio ed è spesso utilizzato anche nella ristorazione collettiva oppure nei percorsi di educazione alimentare per adulti e per bambini. Al momento, comunque, non esiste un albo presso cui questi professionisti possono iscriversi ma ci sono diverse associazioni di categoria.

Passiamo infine al Nutrizionista che è la professione oggetto della nostra trattazione. Il Biologo Nutrizionista, come abbiamo visto, è iscritto all’albo dei biologi ed esercita dopo aver superato l’esame di Stato per iscriversi a detto ordine.

Conviene fare il nutrizionista? Prospettive di lavoro e guadagno

Abbiamo descritto, per sommi capi, di cosa si occupa il nutrizionista ed il percorso necessario al quale non ci si può sottrarre se si vuole giungere al traguardo desiderato. Non resta che delucidare dove lavora il nutrizionista.

Egli può svolgere la propria professione: autonomamente, presso sede privata; in cooperazione con altri professionisti del settore sanitario; presso aziende pubbliche, per svolgere analisi e valutazioni in rapporto ai sistemi di ristorazione e/o per stimare piani nutrizionali per le mense.

Quanto guadagna il nutrizionista? 

Si può portare a casa uno stipendio redditizio facendo questo lavoro? Le risposte sono soggettive e si fondano su quelle che sono le proprie esigenze e ambizioni.

È una professione molto stimata e seguita da numerosi giovani, attratti, probabilmente, dal mondo della corretta e sana alimentazione.

Se si lavora con il Servizio Sanitario Nazionale, lo stipendio è sostanzialmente standardizzato.

La professione autonoma, sebbene sia assai più difficile soprattutto nella fase iniziale, può alla lunga essere in grado di regalare maggiori soddisfazioni economiche.

Tuttavia non esiste l’equazione abilitazione-guadagno, pertanto se si vuole avere successo mettendosi in proprio bisogna possedere una preparazione adeguata e, inoltre, occorre aggiornarsi periodicamente per restare al passo.

Ulteriori letture consigliate

Se volete lavorare in ambito sanitario, vi suggeriamo i seguenti articoli:

Buon Proseguimento su Affari Miei!

mm
Fondatore di Affarimiei.biz nel 2014. Laureato in Giurisprudenza, da sempre divoratore di libri e divulgatore sul web in campo economico e finanziario. Principali passioni: business, finanza personale e investimenti.
Affari-Miei
mm
Fondatore di Affarimiei.biz nel 2014. Laureato in Giurisprudenza, da sempre divoratore di libri e divulgatore sul web in campo economico e finanziario. Principali passioni: business, finanza personale e investimenti.

1 COMMENTO

  1. ottimo articolo, anche se la parte riguardante il conseguimento del titolo è incompleta in quanto il corso di studi non è presente solo in medicina e chirurgia e in biologia ma anche in farmacia (corso di laurea in farmacia e scienze della nutrizione umana e della salute).
    Al compimento del titolo magistrale (classe LM-61) il neo-laureato può procedere all’iscrizione all’albo A dei biologi, e pertanto esercitare sia la libera professione oppure può liberamente concorrere ai concorsi indetti dal SSN, come nutrizionista in tutto e per tutto.

LASCIA UN COMMENTO