Come Diventare Amministratore di Condominio: Guida 2017

Come diventare amministratore di condominio? Secondo l’articolo 1129 del Codice Civile italiano, negli stabili con più di quattro condomini è obbligatoria la figura dell’amministratore.

L’amministratore condominiale può essere interno o esterno allo stabile, l’importante è che sia votato dalla maggioranza dei partecipanti.

La legge italiana impone questo e molto altro ed oggi, nel corso dell’articolo che vi proponiamo, vi aiuteremo a capire come diventare amministratore condominiale a tutti gli effetti.

Amministratore di condominio: requisiti e normativa. Come diventarlo?

Innanzitutto bisogna precisare che non vi sono requisiti particolari per quanto riguarda il titolo di studio: è sufficiente il diploma.

Chiunque ne abbia uno può svolgere questa funzione, ciò nonostante è spesso consigliato a coloro che hanno un diploma in ragioneria o ai periti edili.

Sotto gli altri punti di vista, gli amministratori di condominio deve possedere sette requisiti fondamentali: prima di tutto deve godere regolarmente dei diritti civili; non deve esser stato condannato per delitti contro la pubblica amministrazione, il patrimonio, la fede pubblica e ogni altro delitto non colposo che prevede una pena minima di due anni.

In secondo luogo non deve essere stato sottoposto a misure di prevenzione, a meno che non abbia poi effettuato una riabilitazione e deve essere in grado di intendere e di volere.

Il suo nome non deve essere nell’elenco dei protesti cambiari, cioè non deve essere in debito per il mancato pagamento di una cambiale.

Come anticipato, egli deve possedere un diploma e infine deve aver seguito un corso per l’amministrazione e deve continuamente aggiornarsi.

Ma conviene diventare Amministratore? Quali sbocchi lavorativi effettivi ci sono? Stando alla riforma condominiale e alla Legge n. 220 dell’11 dicembre 2012, è stato imposto l’obbligo per i residenti di un condominio di dotarsi di questa figura, in grado di gestire ed occuparsi della gestione amministrativa della struttura.

Questa legge stabilisce poi che i complessi caratterizzati da più di otto condomini devono obbligatoriamente dotarsi di un amministratore condominiale.

Diversamente, previa delibera assembleare, è possibile evitare di appoggiarvisi, passo sconsigliato, in quanto egli può occuparsi di mansioni che solo un professionista formato può svolgere correttamente.

Voltate pagina per approfondire questo tema!

Leggi anche: Lavori redditizi senza laurea in tempo di crisi 

1
2
3
4
mm
Fondatore di Affarimiei.biz nel 2014. Laureato in Giurisprudenza, da sempre divoratore di libri e divulgatore sul web in campo economico e finanziario. Principali passioni: business, finanza personale e investimenti.
Affari-Miei
1
2
3
4
mm
Fondatore di Affarimiei.biz nel 2014. Laureato in Giurisprudenza, da sempre divoratore di libri e divulgatore sul web in campo economico e finanziario. Principali passioni: business, finanza personale e investimenti.

1 COMMENTO

  1. Per diventare amministratore di condomini non è obbligatorio frequentare corsi formativi, sono utili forse, anche se il piu delle volte sono corsi di associazioni di categoria volti per formare nuovi associati.

LASCIA UN COMMENTO