Aprire un Negozio Pandora in Franchising

Pandora è un marchio nato nel 1982 in Danimarca e che offre in tutto il mondo prodotti di gioielleria pensati esclusivamente o quasi per le donne, con una politica di prezzi relativamente contenuta

Una gioiello democratico, che ha permesso al gruppo di raggiungere quota 800 punti vendita in tutto il mondo, con circa una cinquantina di questi che sono in Italia.

Pandora Franchising: è possibile aprirne uno? È sicuramente possibile e nella guida di oggi ci occuperemo appunto di analizzare non solo l’offerta del gruppo sotto il profilo merceologico, ma anche le modalità di accesso al franchising, individuando le strade percorribili per cominciare con l’iter che ti porterà ad avere il tuo negozio Pandora.

Chi è Pandora e in che settore opera

Pandora è un’azienda danese che opera nel settore dei gioielli prodotti in serie. Il fatto che siano prodotti in serie non deve però far pensare ad un prodotto scadente, anzi.

La serie è parte della brandizzazione del gruppo nonché della popolarità estrema che questo marchio ha raggiunto in tutto il mondo.

Pandora opera attraverso oltre 800 punti vendita in tutto il mondo e deve essere oggi considerata una delle aziende leader del mercato.

Affiliarsi a Pandora vuol dire dunque proporsi sul mercato con:

  • un prodotto che ha un certo seguito tra il pubblico;
  • un’offerta competitiva sui prezzi, almeno rispetto agli altri grandi marchi di gioielleria;
  • un’azienda che spende molto e bene nel settore pubblicitario, continuando a garantirsi una posizione predominante sul mercato.

Affiliarsi, adesso e nei prossimi anni, è una scommessa molto facile da vincere.

Pandora è ancora alla ricerca di affiliati

La buona notizia per chi come te è interessato al marchio Pandora è che il gruppo danese è ancora alla ricerca di nuovi affiliati sul territorio italiano, nuovi affiliati che possono garantire aperture in zone geografiche non ancora coperte, oppure coperte in modo non adeguato.

Prima però di buttarsi a capofitto alla ricerca dei contatti con l’azienda, è bene ricordarsi che Pandora è sì interessata a nuove aperture, a patto che però possano portare al marchio posizionamenti in contesti estremamente visibili e di prestigio, come possono essere (e avremo modo di parlarne in modo più approfondito più avanti nel corso della nostra trattazione), i centri delle città e i centri commerciali.

Pandora, per funzionare e per le intenzioni stesse del marchio, è destinata ad operare in contesti precisi e economicamente vivi.

Quali sono i requisiti minimi richiesti da Pandora per l’apertura di un punto vendita in Franchising?

Pandora permette di aprire un punto vendita in franchising partendo dai seguenti requisiti minimi:

  • metratura del punto vendita: dai 30 agli 80 metri quadri;
  • apertura in monomarca diretto; Pandora sembra aver abbandonato definitivamente la strada della co-esistenza all’interno di gioiellerie plurimarca, anche se di estremo prestigio;
  • possibilità di spendere almeno 250.000 euro per gli allestimenti iniziali, una somma molto alta che però porta a benefici consistenti, che avremo modo di affrontare più avanti.

Si tratta di requisiti minimi molto importanti e che rendono l’apertura di un franchising Pandora non esattamente una passeggiata.

I benefici che però si potrebbero ottenere dall’apertura effettiva sono consistenti e possono giustificare un impegno economico di portata importante, come quello che abbiamo analizzato poco sopra.

Poche parole sulla posizione del tuo punto vendita Pandora

Pandora predilige, se non addirittura accetta in modo esclusivo, punti vendita che siano posizionati:

  • nei centri storici delle città, a patto che si tratti di contesti di assoluto prestigio;
  • nei centri commerciali, anche in questo caso a patto che siano tarati a livello di clientela verso i target propri di Pandora.

La location è di fondamentale importanza poi per garantirsi un buon flusso di clienti paganti, clienti che saranno la base dalla quale cominciare a sviluppare la propria attività commerciale.

Cosa offre Pandora agli Affiliati?

Di fronte ad un investimento molto consistente, Pandora offre la possibilità di entrare a far parte di un network franchising che è tra i meglio organizzati al mondo. Vengono infatti offerti:

  • assistenza completa in fase di apertura;
  • corsi di formazione che riguardano sia il prodotto, sia la gestione del punto vendita;
  • consulenza in corso d’opera per il miglioramento delle vendite
  • un ciclo di vendita che è stato perfezionato da oltre 30 anni di esperienza su mercati internazionali;
  • campagne di marketing su scala nazionale e internazionale senza alcun tipo di partecipazione economica da parte degli affiliati;
  • fornitura completa di Visual Merchandising per il proprio punto vendite;
  • fornitura completa di mobilia e arredi;
  • disegno del negozio secondo progetto e layout di Pandora;
  • materiale promozionale brandizzato per ogni punto vendita;
  • posizione di leadership sul mercato dei gioielli prodotti in serie, posizione che almeno per il momento sembra essere molto difficilmente attaccabile alla concorrenza;
  • brand molto forte e ben posizionato;
  • ottima conoscenza del brand dal segmento clienti di riferimento;
  • buon flusso di clientela.

I vantaggi rispetto agli altri franchising gioielleria

Sono moltissimi i franchising gioielleria che operano nel nostro paese e che possono costituire alternativa a Pandora. Il gruppo di cui ci stiamo occupando però nella guida di oggi riesce a garantire:

  • un prodotto molto conosciuto, con un brand immediatamente riconoscibile anche da chi non acquista abitualmente gioielli;
  • un modello di vendita già collaudato;
  • assistenza completa per la creazione del negozio e per gli arredi;
  • una posizione dominante ad ogni latitudine, con la possibilità di intercettare clientela pagante sin dalla prima apertura;
  • possibilità di godere delle campagne marketing e pubblicitarie che il gruppo propone con costanza anche sul territorio italiano.

Gli svantaggi del franchising Pandora

Il franchising Pandora è uno dei più solidi tra quelli che abbiamo avuto modo di recensire sul nostro sito e non presenta particolari svantaggi, se non fosse l’enorme investimento iniziale richiesto per entrare a far parte del franchising.

Parliamo di almeno 250.000 euro, per uno dei franchising più costosi, a prescindere dal settore, ai quali possiamo aderire nel nostro Paese.

Costi che devono essere però valutati in relazione a quello che questo gruppo ha da offrire, ovvero una posizione dominante anche in aree dove magari sono già presenti altre gioiellerie monomarca.

Necessario comunque l’iter burocratico per l’apertura di un’attività commerciale

Vale la pena ricordare in chiusura la necessità di attivarsi per completare l’iter burocratico dovuto in Italia per l’apertura di una attività commerciale di vendita al dettaglio.

Non esistono requisiti specifici per l’apertura di gioiellerie e l’iter può essere agilmente portato a termine in un paio di settimane.

Una volta ottenuto l’ok da Pandora, che è la parte più difficile del processo, aprire sarà facile come bere un bicchier d’acqua!

Ulteriori informazioni sui franchising Pandora possono essere ottenute direttamente sul sito internet dell’azienda, sotto la sezione Lavora con Noi.

E se vuoi informarti su altre possibilità di aprire in franchising, ti consigliamo di visitare la nostra sezione dedicata.

Buona fortuna!

mm
Fondatore di Affarimiei.biz nel 2014. Laureato in Giurisprudenza, da sempre divoratore di libri e divulgatore sul web in campo economico e finanziario. Principali passioni: business, finanza personale e investimenti.
mm
Fondatore di Affarimiei.biz nel 2014. Laureato in Giurisprudenza, da sempre divoratore di libri e divulgatore sul web in campo economico e finanziario. Principali passioni: business, finanza personale e investimenti.

LASCIA UN COMMENTO


Ricevi gli aggiornamenti da Affari Miei