Gelateria in Franchising: Conviene Aprire Affiliandosi? Scopri i Migliori Marchi per Metterti in Proprio

Avete già sentito parlare sicuramente della possibilità di aprire una gelateria in franchising: conviene avviare questo tipo di attività affiliandosi? Questo è il dubbio che attanaglia un po’ tutti.

Possiamo confermare che diventa una scelta che porta a risparmiare tempo e denaro, infatti dovrete solo fare una scelta e trovare il franchising più adatto a voi.

Come avviene apertura gelateria in franchising? Bisogna scegliere il marchio da rappresentare, soprattutto poter accedere velocemente a un gran numero di clienti che già conoscono il brand: ciò vi aiuterà a far subito spiccare il volo al vostro business ed a renderlo fantastico.

Una formula davvero redditizia, vincente, veloce da avviare e con un investimento minimo di almeno 7.900 euro che apparentemente potrebbe far gola ma che non sempre è la strada giusta da seguire.

Molte considerazioni e risorse utili sono già presenti nel post generali su come aprire una gelateria: se questa è la vostra prima volta su Affari Miei, inoltre, vi invitiamo a visitare la sezione dedicata al franchising in cui trovate tante risorse di assoluto interesse.

Quando conviene aprire una gelateria in franchising?

Si tratta sicuramente di una buona iniziativa per chi desidera mantenersi in proprio: potete partire da zero senza conoscere bene il settore, le abitudini alimentari.

Il nostro consiglio, comunque, è quello di avere ben presente ciò che intendete fare: il franchising è un valore aggiunto quando vi dà un marchio che “si vende da solo”, ma le promesse che spesso fanno le ditte vanno prese con le pinze.

Se non si conosce il settore merceologico in cui si intende investire, infatti, si rischia di fare un buco nell’acqua.

Per fortuna, spesso i vari livelli burocratici vengono fatti gestire dalla compagnia madre, quindi è tutto più semplice. Anche per la progettazione delle sale e delle stanze che devono avere le giuste dimensioni adatte alle esigenze lavorativi.

Oltre alle personalizzazioni i potrete gestire i materiali, scegliere le linee e i colori.

Solitamente ai giovani viene proposta una formazione che permette di apprendere tutte le nozioni fondamentali per conoscere i vari adempimenti, le singoli personalizzazioni e l’assistenza post apertura che risulta essere la più importante.

Non tutto, però, è a carico dell’azienda madre: molti passaggi giuridici e fiscali toccano a voi e, se avete poca dimestichezza, vi suggeriamo assolutamente di leggere la guida completa per aprire partita Iva che abbiamo redatto.

Siete pronti per fare questo tipo di investimento? Le gelaterie non tramonteranno mai, la gente ogni anno le affolla: prima di partire, comunque, valutate attentamente la zona, la concorrenza e le prospettive del territorio.

Si tratta di un business molto legato al posto in cui si apre, quindi potrebbero esserci mercati saturi o spazi liberi da andare a riempire.

La differenza, al di là di tutto, dovete comunque farla voi analizzando attentamente il luogo in cui decidete di aprire in franchising.

I migliori marchi in franchising: 5 marchi da provare se vuoi affiliarti!

Dopo questa breve premessa vogliamo darvi qualche nome di marchi di gelaterie in franchising che si stanno espandendo in questi anni in italia, in modo che possiate trovare qualche riflessione utile.

Scegli il tipo di catena che più vi ispira (fai da te o tradizionale) e preparatevi ad aprire il vostro golosissimo business!

Crema e cioccolato

Questa è una nota catena in franchising che propone la vendita di gelato: il marchio, nella sua politica, ha lo scopo di contenere il più possibile il prezzo dell’investimento iniziale dell’affiliato: Crema e Cioccolato, infatti, partecipa personalmente per contribuire alla nascita dei nuovi punti.

Ciò si traduce in un elemento molto vantaggioso, ossia nel fatto che gli arredi e le attrezzature sono acquistate dalla catena e concesse in comodato d’uso gratuito all’affiliato.

Alla scadenza del contratto diventano dell’affiliato stesso. Per facilitare ulteriormente gli aspiranti affiliati, Crema e Cioccolato propone speso delle promozioni, che permettono di affiliarsi a prezzi davvero competitivi: per fare un esempio, fino ad aprile 2017, è stata offerta la possibilità di aderire a soli 4900 euro la gelateria e a 6900 euro la caffetteria-gelateria.

Dunque, entrare a far parte di questo business è semplice, poiché la formula proposta da questo marchio non  prevede l’acquisto di macchinari, né particolari esperienze o capacità nel settore: bisogna soltanto trovare un locale dai 40 mq in su, ubicato in una zona di passaggio pedonale per garantire il business.

L’affiliato può essere sia un nuovo imprenditore, sia il gestore di pubblico esercizio.

Come funziona la gestione? I ricarichi sono elevati (superiori al 390%) e non esiste rimanenza o scarto, mentre non sono richieste royalties né contributi pubblicitari, l’intero incasso resterà al gestore della gelateria, che può godere della formazione gratuita, assistenza tecnica, prima fornitura offerta di 120 vaschette di gelato, valutazione dei locali, progettazione degli arredi e dei lavori di ripristino, dell’ impianto idrico ed elettrico e partecipazione alla scuola del gelato.

Inoltre anche l’insegna, l’arredamento e le attrezzature sono comprese.

Ma quanto costa tutto ciò? Al di fuori del periodo di promozione, il costo è affiliazione e apertura di una gelateria e caffetteria Crema e Cioccolato è di 24.900 euro, mentre è di 19.900 euro per la sola gelateria.

Gelatosità: un gioco di parole che si scioglie in bocca

Ecco un’altra catena che potrebbe fare al caso di chi fosse alla ricerca di un franchising per aprire una gelateria.

Gelatosità permette di aprire una gelateria dotata  di laboratorio a ciclo completo di produzione con  35.000 euro, senza contare la possibilità di abbinarvi una yogurteria, la pasticceria e anche la caffetteria.

Questo marchio ha vinto il Gelato Festival di Napoli, una manifestazione a carattere nazionale e internazionale durante la quale i migliori gelatieri Italiani si sfidano tra di loro nelle creazioni di bontà.

Durante tale evento, il franchising in questione ha vinto il premio Giuria Popolare ed è menzionata nella nuova Guida del Gambero Rosso delle migliori Gelaterie d’Italia 2017.

Nonostante si parli di “franchising”, il marchio non ha voluto perdere la sua caratteristica di artigianalità: per questo forma maestri gelatai esperti, per soddisfare lo standard qualitativo richiesto dai clienti.

Per questo i laboratori sono dotati di pastorizzatore e mantecatore, e per questo è possibile decidere se aprire la cosiddetta classica oppure un laboratorio di produzione.

​Il contratto ha la durata di 7 anni con possibilità di rinnovo ed è previsto un contratto preliminare: al momento della firma del contratto definitivo, all’affiliato viene rilasciato il manuale tecnico operativo dell’intera attività di gestione e vendita e di produzione del gelato.

Come pagare? Chi si affilia ha la possibilità di pagare il 50% della cifra al momento della firma del contratto definitivo e il restante  50% alla firma del progetto esecutivo dei lavori, momento che coincide con la scelta e l’ordine delle macchine zona vendita e zona laboratorio.

Non sono invece previste fee di ingresso, nè royalty mensile e su fatturati,  senza contare che le attrezzature, come nel caso precedente, sono di proprietà del nuovo affiliato.

Per una gelateria di 25 mq (sia con che senza laboratorio a ciclo completo di produzione) l’importo da pagare ammonta a euro 35000.​

Titto: gelateria fai da te!

Gli store Titto sono basati sul concetto della “gelateria fai da te”, che permette di abbattere  molti costi d’impresa. Ma quanto costa aprire una gelateria self service Titto?

Per la primavera 2017 è possibile usufruire di un’offerta allettante: aprire uno store può costare solo 19.900 euro + IVA per un punto vendita di 30/40 mq.

Volendo aggiungere l’angolo caffetteria, il prezzo sale di 9.900 euro + IVA.

In questa offerta l’affiliato trova compresi anche la formazione personale e il materiale, le macchine Carpigani (tre, per la precisione), con finanziamento a 650,00 €/mese per 5 anni.

Questa offerta prevede anche un mese di fornitura di gelato gratuita e un business plan personalizzato.

Mu, Gelateria self service

Questa gelateria in franchising (anc’essa fai da te) basa il suo funzionamento sulla comunione degli interessi e delle responsabilità di ogni  partner coinvolto

La minuziosa attenzione alla qualità ci ha permesso di essere i leader nel settore, con un format che esalta l’immagine aziendale, creando un’esperienza d’acquisto coinvolgente.

La superficie minima richiesta per il locale (da scegliere in zone di cittadine o città ad alto passaggio pedonale, oppure all’interno di centri commerciali) è di 60 mq.

È tuttavia possibile optare per un locale più piccolo per realtà più piccole: si tratta di un locale di almeno 20 mq, grazie al formato Happiness by Mu. Questa opzione richiede un investimento minore e quindi è più accessibile a chiunque.

Gli affiliati vengono formati grazie a piani di formazione studiati per garantire una gestione efficiente del punto vendita, che rende ogni negozio di questa catena uguale in tutto il Paese!

Yoyogurt: per cambiare un po’!

Vi piace l’idea di vendere coni e coppette, ma preferireste optare per qualcosa di diverso da gelato?

Sempre più amato dai consumatori troviamo lo yogurt, prodotto amatissimo anche se più acidulo del gelato, e personalizzabile con granelle e gusti di frutta e creme di una varietà incredibile, elemento che rende questo yogurt così amato.

Tra i marchi più noti troviamo YoYogurt.

Questa è una rete di yogurterie in forte espansione: gli affiliati hanno a loro disposizione competenze tecniche e manageriali e sono supportati da subito da un team esperto.

In particolare viene concessa assistenza immobiliare, 15 anni di assistenza, business plan ad ampio spettro, oltre a molteplici servizi per l’apertura e un marketing studiato ad hoc per le catene.

Il locale da cercare deve essere di almeno 25 fino a 60 mq, in un paese dove il bacino d’utenza sia di almeno 20.000 abitanti. L’ubicazione ottimale è in Centri Commerciali, Vie Commerciali.

Vengono inoltre garantite l’assenza di fee d’ingresso e di royalties e un basso investimento iniziale, per un contratto di base di 5 anni.

Ulteriori risorse utili

Aggiorniamo volentieri questa guida rimandando ad altri post presenti sul blog che potrebbero tornarvi utili.

Trattandosi di articoli dedicati a chi cerca idee imprenditoriali da attuare subito, pensiamo che la lettura di più prospettive possa decisamente tornarvi utile.

Buon proseguimento di navigazione su Affari Miei!

mm
Fondatore di Affarimiei.biz nel 2014. Laureato in Giurisprudenza, da sempre divoratore di libri e divulgatore sul web in campo economico e finanziario. Principali passioni: business, finanza personale e investimenti.
mm
Fondatore di Affarimiei.biz nel 2014. Laureato in Giurisprudenza, da sempre divoratore di libri e divulgatore sul web in campo economico e finanziario. Principali passioni: business, finanza personale e investimenti.

LASCIA UN COMMENTO


Ricevi gli aggiornamenti da Affari Miei