Aprire un Wine Bar di Successo: i Consigli per la Tua Enoteca

Sei un intenditore di vini e hai deciso di aprire un wine bar per mettere a disposizione la tua passione per il vino al pubblico? Se stai cercando una guida su come aprire il tuo locale, allora sei proprio nel posto giusto perché oggi parleremo di questo argomento!

Che cosa si intende per wine bar? Quali sono i requisiti professionali necessari per aprire? Quali sono, invece, i requisiti legali che devi possedere? C’è la possibilità di aprire un wine bar in franchising? Qual è il locale ideale?

Andiamo quindi a rispondere a tutte queste domande!

Cosa si intende con wine bar? Differenza con l’enoteca classica

Prima di andare a vedere passo per passo cosa bisogna fare per aprire, è il caso di capire bene di cosa stiamo parlando, ossia che cos’è nello specifico un wine bar, in quanto si tratta di un concept nato negli ultimi anni e che sta subendo, inoltre, delle evoluzioni importanti.

Molti confondono infatti il wine bar con le comuni enoteche, ossia con quei negozi tipici che si occupano della vendita del vino e di altri prodotti tradizionali del posto.

Al contrario, però, ci sono delle differenze sostanziali. Prima di tutto, in enoteca i vini possono essere semplicemente acquistati, nelle classiche bottiglie in vetro e questi negozi rispettano i classici orari giornalieri, rimanendo chiusi nelle ore serali.

I wine bar, invece, danno la possibilità ai clienti di accomodarsi in appositi spazi e degustare il vino sfuso che preferiscono, magari accompagnandolo con dei pasti sfiziosi. Inoltre, questi locali hanno gli stessi orari dei normali bar, quindi rimangono aperti anche dopo cena.  

In pratica, quando parliamo di wine bar ci riferiamo a quel tipo di attività in cui non solo i vini possono essere acquistati nelle classiche bottiglie in vetro, ma si possono anche degustare in bicchiere, direttamente all’interno del locale, con la giusta atmosfera e l’eventuale aperitivo di accompagnamento.

Sicuramente gestire un locale del genere può essere più impegnativo rispetto alla gestione di una semplice enoteca, ma anche le opportunità economiche sono sicuramente più soddisfacenti.

Andiamo a vedere prima di tutto quali sono i requisiti professionali necessari per avviare questo tipo di attività.

Quali sono i requisiti professionali necessari per aprire un wine bar?

Come per tanti altri tipi di attività, soprattutto nel settore alberghiero, per avviare un wine bar devi possedere dei requisiti professionali ben precisi. Tra questi ricordiamo soprattutto quelli citati in seguito:

  • devi possedere la certificazione HACCP che si ottiene frequentando un corso che generalmente può durare dalle 4 alle 8 ore, con tanto di esame finale. Questa certificazione serve per dimostrare la tua formazione (o quella del personale) per quanto riguarda la conservazione degli alimenti e, soprattutto, le norme di igiene personale da rispettare all’interno di un esercizio pubblico;
  • devi frequentare il rispettivo corso di formazione inerente alla sicurezza sul lavoro, in pratica tutto ciò che riguarda eventuali situazioni di emergenza, dal primo soccorso, agli incendi e così via. Questo corso è obbligatorio nel momento in cui hai intenzione di inserire del personale nella tua attività;
  • devi essere in possesso di una qualifica professionale inerente alle attività alimentari, come il diploma della scuola alberghiera, oppure devi aver lavorato per un periodo di almeno due anni all’interno di un ambiente lavorativo in cui era prevista la somministrazione di cibo e bevande, negli ultimi cinque anni. Se non possiedi uno di questi requisiti, allora dovrai frequentare un corso a parte: il SAB che generalmente ha una durata che può variare dalle 60 alle 100 ore, con annesso esame finale. I costi e la durata di questo corso possono essere soggetti a delle variazioni in base alla regione di riferimento.

Inoltre, ti consigliamo di buttarti in questo settore soprattutto se sei in possesso dei seguenti requisiti personali:

  • carisma;
  • capacità gestionali;
  • capacità relazionali;
  • capacità di problem solving;
  • passione per l’ambiente in questione;

Proprio la passione è il motivo principale che più spesso ci spinge ad avviare questo genere di attività, l’amore per il vino non solo dall’elevata gradazione, ma soprattutto per l’alta qualità dei prodotti che si trovano sul mercato.

E quelli legali?

Per quanto riguarda invece l’iter burocratico da seguire, se non hai dimestichezza nell’ambiente di documenti e scartoffie, ti consigliamo di rivolgerti ad un bravo commercialista così che sia l’esperto ad indicarti passo per passo tutte le procedure da fare.

Per aprire un wine bar sono necessari i seguenti requisiti legali:

  • dopo aver scelto la forma giuridica, devi aprire la Partita Iva presso l’agenzia delle entrate;
  • se l’esercizio pubblico è di nuova apertura (cioè se non viene proseguita l’attività di un altro negozio), devi ottenere l’autorizzazione del comune per avviare la nuova attività;
  • devi fare l’iscrizione al Registro delle Imprese presso la Camera di Commercio;
  • devi ottenere il nulla osta della ASL per quanto riguarda i requisiti igienico sanitari del tuo locale;
  • devi fare l’iscrizione presso l’INPS e presso l’INAIL, anche attraverso la Comunicazione Unica;
  • devi fare la richiesta per la licenza relativa alla vendita degli alcolici presso l’Agenzia delle Dogane;
  • devi fare la segnalazione certificata di inizio attività, o meglio, la SCIA.

Qual è il locale ideale per aprire un win ebar di successo?

Una volta che hai ottenuto tutti i requisiti necessari, siano essi legali o professionali, allora puoi passare allo step più importante che precede l’apertura del locale: la scelta del posto ideale per il tuo wine bar.

Si tratta di un momento molto delicato per i tuoi affari in quanto il successo della tua attività dipende soprattutto dalla zona in cui andrai ad aprirla. Il locale perfetto dovrebbe avere le seguenti caratteristiche:

  • deve trovarsi in un centro urbano, soprattutto vicino ad altri negozi in quanto le persone, mentre fanno shopping, potrebbero voler fare una pausa davanti ad un bel bicchiere di vino;
  • deve trovarsi in una zona piuttosto trafficata;
  • deve essere visibile, non nascosto, altrimenti rischi di non essere notato;
  • deve essere un locale comodo, per dare la possibilità ai clienti di consumare i tuoi prodotti in totale comfort;
  • deve essere accogliente e tranquillo;
  • devi valutare l’eventuale presenza di concorrenza nei paraggi.

Infine, il locale perfetto per aprire il tuo wine bar dovrebbe essere anche dotato di un’area parcheggio nelle vicinanze, tuttavia, se intendi aprirlo in un’area pedonale, non è una caratteristica indispensabile.

Non dimenticare, però, di fare la giusta propaganda alla tua nuova apertura in quanto una buona pubblicità aiuterebbe a decollare la tua attività. Prova a partire da una inaugurazione ad hoc, in cui inviti i tuoi futuri clienti ad assaggiare i tuoi vini.

Inoltre, ti consiglio di mettere a disposizione dei tuoi clienti delle offerte davvero vantaggiose, almeno nei primi mesi di apertura, così che possano conoscere i tuoi prodotti e tornino anche una volta che questa offerte saranno terminate.

Tuttavia, puoi anche considerare l’idea di avviare un’attività in franchising che, sicuramente, presenta molti vantaggi, primo tra tutti riguarda proprio la reputazione del brand a cui ti affilierai che sarà già avviata e ti risparmierà molto tempo. Andiamo a vedere come funziona nel prossimo paragrafo.

E’ possibile aprire un wine bar in franchising?

Come abbiamo già accennato in precedenza, aprire un attività in franchising, qualsiasi essa sia, ha sicuramente molti vantaggi, ad esempio quelli citati in seguito:

  • il nome del brand sarà già conosciuto da tutti prima ancora del tuo arrivo nel settore;
  • alcuni franchising ti danno anche la possibilità di sfruttare l’esclusiva della zona in cui andrai ad aprire;
  • ti viene procurato tutto il necessario per arredare il tuo negozio;
  • hai la possibilità di frequentare appositi corsi di formazione e/o di aggiornamento.

Tra i marchi più famosi a cui puoi rivolgerti per un franchising ti consigliamo di dare uno sguardo a quelli citati in seguito:

1) Il Tavernacolo

Questo brand offre la possibilità di aprire un franchising con un investimento minimo di circa 10.000 euro.

Con una cifra del genere hai la possibilità di aderire ad uno dei progetti più innovativi di questo settore, in cui il concetto di enoteca e quello di wine bar vengono fusi tra loro.

I tuoi clienti saranno felici di entrare nel tuo locale, caldo ed accogliente che darà loro la possibilità non solo di acquistare il vino e portarlo a casa, ma anche di degustarli, magari accompagnandoli con dei salumi, o delle piadine, oppure delle bruschette e chi più ne ha più ne metta.

2) iVinattieri

Ecco un altro brand made in Italy che mette a disposizione dei suoi clienti una vasta scelta di vini, circa 500 etichette, tutti serviti dal personale competente e preparato che è disposto a rispondere a tutte le domande sul vino che sta servendo.

Lo scopo principale de iVinattieri è quello di promuovere la vendita e la conoscenza dei vini delle cantine italiane, applicandosi in una ricerca continua dei prodotti di alta qualità che si trovano sul mercato del vino.

Per aderire al franchising de i Vinattieri è necessario un investimento superiore rispetto al brand di cui sopra, si parla di una cifra minima che si aggira attorno ai 19.000 euro.

3) La Cantina Dei Sapori

Questo è uno dei brand emergenti che, oltre ad offrire una vasta selezione di vini, ha inglobato nel suo mercato anche le birre artigianali, dalle più particolari a quelle tradizionali.

In un locale de La Cantina Dei Sapori il clienti si sentirà completamente a suo agio, grazie all’atmosfera tranquilla e accogliente e alla cordialità del personale che di solito è una caratteristica peculiare di questo brand.

Inoltre, questa casa madre ti darà una certa libertà nella scelta dell’arredamento, facendoti aiutare dai suoi tecnici del settore che rispetteranno tutte le tue esigenze a riguardo.

Per aderire a questo franchising è necessario un investimento minimo di circa 15.000 euro.

4) Sud

Il marchio SUD è nato invece come enoteca/liquoreria in cui, come si può intuire dal nome, vengono proposti i principali prodotti tipici del sud Italia.

Negli ultimi anni, visto l’avanzare dei wine bar, SUD si è adattata alle esigenze dei clienti, mettendo a loro disposizione degli spazi adeguati per la consumazione e la degustazione di questi prodotti, compresi i vini sfusi.

Per aderire a questo franchising l’investimento minimo necessario è di circa 15.000 euro.

5) Inoteca

Anche Inoteca è la fusione totale dei due negozi: enoteca e wine bar. Questo brand mette a disposizione dei clienti dei prodotti eccellenti, una vasta scelta di vini sfusi e in bottiglia, da accompagnare con dei gustosi piatti tipici della cucina italiana.

Questo franchising è stato avviato intorno al 2008 e da lì abbiamo assistito al decollo della casa madre che offre ai suoi affiliati un certo tipo di supporto durante tutto il percorso.

Se vuoi far parte di questo franchising devi considerare che l’investimento minimo previsto è di circa 40.000 euro. 

Come puoi notare, tutti gli investimenti previsti per aderire ad un franchising di wine bar, anche il più costoso, è nettamente inferiore rispetto alla somma che dovresti spendere per partire da zero.

Questo, è senz’altro l’ennesimo vantaggio offerto dall’adesione ad un franchising.

Non ti resta altro che trovare il marchio che soddisfa al meglio tutte le tue esigenze e metterti in contatto con l’azienda per avviare la procedura di adesione e il gioco è fatto, al resto penseranno tutto loro!

Ulteriori risorse utili

Se lavorare nel mondo del vino e a contatto della gente ti appassiona e credi che sia la strada giusta per te, ecco che ho elaborato una breve lista di suggerimenti, dove troverai idee alternative per ipotizzare un’attività imprenditoriale:

In particolare è importante che tu dia uno sguardo all’ultima guida, dove troverai tante idee importanti per l’apertura della tua attività imprenditoriale. Il successo è dietr l’angolo, basta organizzarsi!

In bocca al lupo!

mm
Fondatore di Affarimiei.biz nel 2014. Laureato in Giurisprudenza, da sempre divoratore di libri e divulgatore sul web in campo economico e finanziario. Principali passioni: business, finanza personale e investimenti.

 

Video Corso Gratuito Business con Metodo

Stai pensando di metterti in proprio ma non sai da dove iniziare? 

Scopri Subito il Video Corso “Business con Metodo”: ho preparato per te oltre 1 ora di contenuti esclusivi che ti guideranno nel pianificare la tua avventura imprenditoriale.

mm
Fondatore di Affarimiei.biz nel 2014. Laureato in Giurisprudenza, da sempre divoratore di libri e divulgatore sul web in campo economico e finanziario. Principali passioni: business, finanza personale e investimenti.

LASCIA UN COMMENTO


Ricevi gli aggiornamenti da Affari Miei