Aprire un Minimarket in Franchising: Guida per Mettersi in Proprio

Sono sempre più le persone che sognano di mettersi in proprio e di cambiare la propria vita iniziando una nuova avventura, magari decidendo di aprire un minimarket.

I minimarket sono piccole attività che, nonostante ci troviamo nell’epoca della grande distribuzione, ancora riescono a resistere. Il minimarket è spesso sinonimo di qualità più alta, di servizi accurati e di contatto con il personale.

A volte i piccoli supermercati hanno anche prezzi più alti, ma sono ancora tante le persone che non badano ai prezzi e che preferiscono il contatto dei piccoli negozi alla grande distribuzione.

I negozi di vicinato sono ancora molto amati, soprattutto coloro che sono più attenti alla qualità. In questo articolo vedremo insieme quali sono i requisiti necessari per aprire un minimarket, la spesa media da investire, le affiliazioni in franchising e ti darò anche tutti i consigli utili per aprire. Buona lettura!

Quali sono i requisiti per aprire un minimarket?

Prima di iniziare con la tua nuova emozionante avventura è necessario conoscere i requisiti richiesti per aprire un minimarket. Innanzitutto sono richiesti alcuni requisiti obbligatori per legge a chi vuol aprire una attività: non dovrai essere stato dichiarato fallito o interdetto in precedenza.

In seguito sarà necessario avere a disposizione anche un locale adatto all’apertura di un minimarket e che disponga di tutti i requisiti di sicurezza obbligatori per legge. Altri requisiti necessari per l’apertura di una attività commerciale come un minimarket sono:

  • l’apertura di una Partita Iva, si tratta di un primo passo obbligatorio, senza una partita Iva non otterrai il permesso di aprire il tuo minimarket;
  • l’iscrizione al Registro delle Imprese, è obbligatoria prima di iniziare un’attività in proprio;
  • l’iscrizione all’ Inps;
  • l’iscrizione all’ Inail;
  • certificato della ASL (che accerti che i tuoi locali rispettino le norme igienico sanitarie, il documento si può richiedere direttamente alla ASL tramite compilazione di un apposito modulo, in seguito la ASL invierà nei locali da te scelti un controllo, una volta superato il controllo otterrai il permesso di aprire il tuo negozio);
  • dichiarare al comune l’inizio di attività (compilando l’apposito modulo);
  • ottenere il permesso per l’esposizione dell’insegna (e pagare la relativa tassa per l’ingombro);
  • pagare la Siae nel caso in cui tu preveda la diffusione di musica (compresa la radio) nei locali;
  • (nel caso in cui tu decida di aprire una società) richiedere anche la costituzione di una società prima di aprire il tuo minimarket;
  • ottenere il certificato HACCP per la somministrazione di alimenti e bevande.

Se desideri avere successo ci sono anche una serie di altri requisiti che sarebbe consigliabile avere, non si tratta di requisiti obbligatori per la legge italiana, ma di doti fondamentali per aprire un’attività commerciale.

È consigliabile lavorare solo con personale cortese e adatto alla vendita e che sappia trattare con ogni tipo di cliente, anche con i più esigenti.

Crea un business plan che sia il più completo e dettagliato possibile e ricorda di valutare con attenzione tutte le risorse che puoi investire.

Dove conviene aprire?

Per un minimarket potenzialmente ogni luogo potrebbe essere quello adatto per una apertura, ma è consigliabile aprire in una zona con forte flusso di persone.

Ovviamente si sconsiglia di aprire vicino a grandi supermercati e soprattutto vicino ai centri commerciali. Il centro città è adatto all’apertura di un minimarket perché spesso in centro i supermercati sono rari.

Anche le zone periferiche molto trafficate, che non siano già servite da grandi supermercati, sono adatte per l’apertura di piccoli negozi. I paesini e i borghi sono adatti ai minimarket perché spesso in queste zone le persone preferiscono comprare localmente per la spesa quotidiana ed evitare di guidare fino ai grandi supermercati.

Esistono dei franchising per questo genere di attività?

Se desideri aprire un minimarket, ma non vuoi esporti a troppi rischi, un franchising potrebbe essere la scelta giusta per te.

Con il franchising si viene seguiti da personale esperto durante tutto l’iter per l’apertura e i rischi economici spesso si riducono rispetto ad una apertura totalmente autonoma. Qui di seguito ti proponiamo i maggiori franchising per i minimarket.

1) Simply franchising

È una catena di grandi supermercati che consente anche le aperture di piccoli punti vendita.

Simply a tutti i suoi affiliati servizi di consulenza e supporto costanti. Simply affianca l’affiliato mettendogli a disposizione un tipo di organizzazione consolidata e tante possibilità di crescita.

L’azienda non mette a disposizione ulteriori info sull’affiliazione e non parla di fee, royalties o investimenti medi.

Se sei interessato a diventare un partner della famiglia di supermercati Simply o se desideri maggiori informazioni dovrai scrivere una mail direttamente alla casa madre, troverai l’indrizzo sul sito ufficiale Simply alla sezione franchising. Sarai contattato direttamente da un responsabile.

2) Tigre Amico franchising

È una catena di grandi supermercati che consente anche le aperture di piccoli punti vendita. Il marchio fa parte del Gruppo Gabrielli e offre al nuovo affiliato assistenza tecnica e consulenza in ogni momento.

L’affiliato avrà tutto il know-how, i contatti con i fornitori, le strategie di comunicazione pubblicitaria e la progettazione del punto vendita.

Se sei interessato a diventare un partner della famiglia di supermercati Tigre o se desideri maggiori informazioni dovrai scrivere una mail direttamente al Gruppo Gabrielli, troverai l’indrizzo sul sito ufficiale alla sezione franchising. Sarai contattato direttamente da un responsabile.

3) Conad Margherita

Anche in questo caso si tratta di una una catena di grandi supermercati che consente anche le aperture di piccoli punti vendita.

L’azienda non mette a disposizione ulteriori info sull’affiliazione e non riporta il costo di fee, royalties o degli investimenti medi. Per sapere come fare per associarti a Conad dovrai cliccare sulla voce “Diventa socio” sul sito ufficiale e troverai tutte le informazioni di cui hai bisogno.

4) American Minimarket franchising

È il franchising che vuol portare po’ di America in Italia. Il minimarket vende prodotti che ripropongono i gusti che si possono trovare oltre oceano avvicinandosi anche al gusto dei locali.

L’affiliazione ad un American Mini Market garantisce una campagna pubblicitaria nella zona scelta per l’apertura.

Anche in questo caso l’azienda non mette a disposizione ulteriori info sull’affiliazione e non riporta il costo di fee, royalties o l’ammontare degli investimenti medi.

Per sapere come fare per associarti all’American Minimarket franchising franchising e compilare l’apposita richiesta per ottenere tutte le informazioni di cui hai bisogno.

5) Il Mondo Senza Glutine franchising

È un minimarket pensato per chi non può acquistare prodotti nei normali supermercati a causa della presenza di glutine. Per aprire un negozio del marchio è richiesto un bacino d’utenza di almeno 70/80 mila abitanti.

Non sono previste fee d’ingresso, nessuna percentuale e non sono richiesti ordini minimi. Per aprire uno Shop è necessario un locale che sia minimo 37/47 metri quadri.

Affiliandoti avrai l’esclusiva di zona, supporto continuo dell’azienda, e l’arredo completo se sceglierete la formula all inclusive. La casa madre penserà anche all’occorrente per gli uffici e per il sito web.

È possibile associare al minimarket anche un fast food scegliendo la formula Fast Food + Shop. Per il Fast Food + Shop sono richiesti minimo 80/90 metri quadri. Per il solo Shop il costo è di € 22.530,00 + Iva al 22%.

Per la formula Fast Food + Shop sono richiesti € 35.975,00 + Iva al 22%per l’apertura. Non sono disponibili ulteriori informazioni.

Per conoscere tutti i dettagli è necessario consultare il sito ufficiale alla voce franchising ed inviare la richiesta di informazioni per l’affiliazione.

Per approfondire l’argomento legato all’apertura di un negozio per celiaci, leggi la guida di Affari Miei!

Ogni fanchising è diverso e offre tante opzioni diverse, valuta con accuratezza le richieste dei marchi e scegli quella che più si adatta ai tuoi desideri e ai tuoi obiettivi oltre che al tuo budget iniziale.

Chiedere informazioni non costa nulla, quindi ricorda di utilizzare gli appositi form sui siti web per le conoscere tutti i dettagli per le affiliazioni e non temere mai di chiedere delucidazioni.

Quanto costa aprire un minimarket?

Come per qualsiasi attività commerciale è necessario valutare con molta attenzione ogni aspetto, soprattutto quelli economici, a partire dalla gestione, agli obiettivi sia a lungo termine che breve termine.

È necessario preventivare i costi ed i tempi per il recupero del capitale che hai investito. Per questo motivo ti ricordiamo che redigere un business plan è un’azione necessaria prima di iniziare questa nuova avventura.

A generare i tanti costi per l’apertura di una attività commerciale sono tanti fattori come l’estensione del locale, gli arredi e l’occorrente per i banconi ecc, le attrezzature da ufficio, le forniture di prodotti, i corsi di aggiornamento e di formazione, le varie spese burocratiche e quelle per le consulenze professionali di cui avrai bisogno.

Il costo per una apertura di un minimarket dipende dalla grandezza del locale, ma in genere per un negozio di piccole/ medie dimensioni non si spendono meno di 50 mila euro di investimento iniziale.

Non è una cifra altissima, ma non si tratta di una spesa che tutto possono sostenere senza pensieri. Inoltre la spesa aumenta facilmente se si decide di aprire un locale di dimensioni maggiori.

Per questo ti consigliamo di controllare se la tua regione prevede delle agevolazioni per aprire un minimarket o una attività.

Informati sempre riguardo i finanziamenti a fondo perduto e se pensi di non riouscire a sostenere la spesa, ma vuoi comunque provare, puoi pensare di affidarti ad un franchising seguendo i consigli che ti abbiamo dato.  Spesso i franchising richiedono un investimento iniziale minore e danno più garanzie rispetto ad una apertura totalmente autonoma.

Per aumentare il fatturato del tuo piccolo supermercato e per recuperare al più presto il denaro che hai investito avrai bisogno di seguire alcuni consigli. Qui di seguito ti lascio qualche breve consiglio per augurarti buona fortuna:

  • lavora con impegno e con passione, i clienti valutano la competenza, ma fanno caso anche all’amore con cui si svolge il lavoro;
  • mostrati sempre preparato sui prodotti in vendita e sulle offerte;
  • scegli solo personale che ami lavorare quanto te, non dimenticare mai che basta un solo collaboratore inadatto a danneggiare il tuo business;
  • cura con attenzione la pubblicità anche sui social network, ricorda che essere fuori da internet oggi significa essere fuori dal mondo, i social network sono utilissimi per farsi conoscere e per arrivare a raggiungere nuovi clienti.

Ti consiglio di leggere la guida con i consigli per mettersi in proprio grazie ad un franchising, così da essere consapevole del percorso che stai per intraprendere.

Ora che sai tutto quello di cui hai bisogno per aprire la tua nuova attività commerciale non ti resta che iniziare a lavorare per realizzare il tuo sogno!

mm
Fondatore di Affarimiei.biz nel 2014. Laureato in Giurisprudenza, da sempre divoratore di libri e divulgatore sul web in campo economico e finanziario. Principali passioni: business, finanza personale e investimenti.

 

Video Corso Gratuito Business con Metodo

Stai pensando di metterti in proprio ma non sai da dove iniziare? 

Scopri Subito il Video Corso “Business con Metodo”: ho preparato per te oltre 1 ora di contenuti esclusivi che ti guideranno nel pianificare la tua avventura imprenditoriale.

mm
Fondatore di Affarimiei.biz nel 2014. Laureato in Giurisprudenza, da sempre divoratore di libri e divulgatore sul web in campo economico e finanziario. Principali passioni: business, finanza personale e investimenti.

1 COMMENTO

Rispondi a karim Cancella la risposta


Ricevi gli aggiornamenti da Affari Miei