Certificato Anamnestico: Utilizzo, Rilascio e Rinnovo. Ecco le Informazioni da Conoscere

Che cos’è il certificato anamnestico? A cosa serve? Quali sono le condizioni sotto le quali viene rilasciato? A cosa serve il certificato anamnestico per la patente? Ci sono altri casi in cui viene richiesto?

Vediamo insieme cosa c’è da sapere sul certificato anamnestico, quali sono le modalità tramite le quali ottenerlo, cosa fare nel caso in cui non riuscissimo ad ottenerlo.

Il certificato anamnestico: che cos’è?

Il certificato anamnestico è un documento che viene rilasciato dall’autorità medica e che attesta l’idoneità psichica e fisica alla guida di alcuni veicoli, al porto e all’utilizzo di armi e, nel nostro ordinamento, anche per altri tipi di attività.

L’utilizzo più frequente da parte delle persone che ci stanno leggendo sarà quasi sicuramente quello che riguarda la patente(patente a, patente b e patente coltre che quella nautica): nella nostra digressione partiremo proprio da qui.

Il certificato anamnestico: patente e rinnovo

Il certificato anamnestico per la patente è un documento che viene rilasciato per attestare l’idoneità di un individuo al conseguimento della patente di guida.

Il certificato anamnestico è stato reintrodotto con la legge 29 Luglio 2010, n. 120 e la legge è in vigore dal 13 agosto 2010.

Il certificato anamnestico deve individuare la presenza dei requisiti psichici e fisici del soggetto per il primo rilascio di qualunque tipo di patente di qualunque categoria e anche per ottenere il certificato che permette l’abilitazione professionale delle categorie KA e KB.

Chi è interessato a ottenere il certificato anamnestico per la patente deve esibire una serie di certificazioni:

  • deve certificare che non abusa di alcol
  • deve certificare il non utilizzo di sostanze stupefacenti di qualunque tipo

Per le due certificazioni di cui sopra le modalità sono individuate dal Ministero della Salute e nel momento in cui vi scriviamo consistono in accertamenti clinico-tossicologici.

Il certificato anamnestico per la patente dunque garantisce in primo luogo che il soggetto che si appresta a conseguire la patente di guida non faccia uso di alcol e droghe e che non abbia patologie che possano compromettere i livelli di attenzione e mettere dunque in pericolo egli stesso, i passeggeri e anche pedoni e altri conducenti.

Il certificato anamnestico per la patente viene rilasciato dal medico, che deve verificare il possesso degli altri requisiti che riguardano l’abilità alla guida.

Ma chi rilascia la patente? E quanto costa fare a patente e sottoporsi alla visita medica?

Voltate pagina e continuate a leggere per trovare le risposte!

1
2
3
4
5

Usi Telegram? Iscriviti Gratis al Nostro Canale!

Affari-Miei-telegram

LASCIA UN COMMENTO